Le applicazioni che non possono mancare ad un fotografo: Releases

Releases è l’applicazione che ti permette di risolvere i problemi dei diritti d’immagine

Quando facciamo foto a persone, specialmente se sono minori, e abbiamo intenzione di pubblicarle sul nostro blog o sui vari Social dobbiamo sempre ricordarci di avere l’autorizzazione del soggetto fotografato.

Un modulo firmato ci può mettere in salvo da problemi legali che potrebbero venire fuori se il soggetto fotografato non è d’accordo nel farsi fotografare o nel far pubblicare le proprie foto su internet. Releases è l’applicazione che ci può venire in aiuto quando siamo in giro per i nostri shooting fotografici.

Prima di cominciare vi riporto qui l’elenco delle applicazioni che abbiamo visto e di quelle che vedremo nelle prossime settimane.

 

  • PS Express  √
  • Polarr √
  • Color Pop √
  • Releases
  • Esposimetro
  • Lightroom
  • Spark Post

 

Se conoscete altre applicazioni mi raccomando lasciate i nomi nei commenti sotto questo post.

 

RELEASES

Releases è un’applicazione molto semplice da utilizzare ma che ti può levare dai guai legali dovuti a “diritti fotografici” e “copyright”.

La prima cosa da fare, una volta avviata l’applicazione, è andare nella sezione “Photographer Info” ed inserire i nostri dati (nome, cognome, indirizzo, numero di telefono, email e sito web), una volta inseriti questi dati possiamo creare la nostra prima Release.

Clicchiamo sul tasto “New Release” abbiamo diversi template di release a seconda di quello che dobbiamo fotografare e dove lo vogliamo pubblicare. Ad esempio c’è il modello per pubblicare foto di modelli adulti (o minori) o di proprietà sul sito di fotografia di microstock Shutterstock.

Una deciso su quale modello cliccare dobbiamo inserire i dati dello shooting fotografico, poi i dati del modello/a, inserire la foto del modello che vogliamo pubblicare, dare un nome al modulo e solo a questo punto avremmo l’anteprima del modulo.

Prima di cliccare sul tasto Send per inviare il modulo ricordatevi di firmare il modulo tramite l’apposito tasto Sign.

Come abbiamo detto prima troviamo diversi modelli, andiamo a vedere quali sono:

 

 

Se non conosci la fotografia micro-stock ti consiglio di leggere il blog di Paolo Gallo se invece vuoi vedere il mio Portfolio fotografico su Fotolia (altro sito di microstock) puoi cliccare qui.

 

Se sei interessato ad approfondire il discorso di fotografia microstock fammelo sapere nei commenti, se siete tanti potrebbe nascere una rubrica apposita. 

 

CONCLUSIONI

Questa applicazione è una di quello che non può mancare sullo smartphone di un fotografo (amatoriale o Pro), in pochi secondi ti risolve un grosso problema ovvero quello dei diritti d’immagine. Questa applicazione c’è solo per iOS, esistono anche altre applicazioni simili per Android ma che non ho provato.

Tu hai provato questa applicazione? Ne conosci altre? Lascia il tuo contributo nei commenti sotto questo post. Se invece ti sei perso i post precedenti eccoli qui:

 

 

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.
Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

 

Le applicazioni che non possono mancare ad un fotografo: Color Pop

Color Pop è l’applicazione che ti permette di giocare con i colori delle tue foto.

Oggi andiamo a giocare con i colori per rendere le nostre foto ancora più interessanti. Infatti se le foto a colori sono belle e quelle in bianco e nero sono affascinanti, quelle miste sono ancora più interessanti.

Nelle precedenti settimane abbiamo visto due applicazioni che ci permettono di modificare le nostre foto come se fossimo davanti ad un computer, se ti sei perso i due post ti lascio qui i link:

 

 

Oggi invece andiamo a vedere un’applicazione che ci permetterà di giocare con i colori, ad esempio potremmo creare foto con alcune parti in bianco e nero e altre a colori. L’applicazione si chiama Color Pop.

Prima di cominciare vi riporto qui l’elenco delle applicazioni che abbiamo visto e di quelle che vedremo nelle prossime settimane.

 

  • PS Express  √
  • Polarr √
  • Color Pop
  • Releases
  • Esposimetro
  • Lightroom
  • Spark Post

 

 

Se conoscete altre applicazioni mi raccomando lasciate i nomi nei commenti sotto questo post.

 

COLOR POP

Una volta che abbiamo aperto l’applicazione possiamo decidere se scattare una foto direttamente da Color Pop oppure selezionare la foto dal nostro smartphone. Una volta aperta la foto questa apparirà completamente in bianco e nero.

In basso trovate un menù con le seguenti voci: Color, Gray, ReColor e Zoom.

 

COLOR

Il menù Color ti permetterà (tramite apposito pennello) di colorare tutta o alcune parti della foto con i colori originali della foto. Inoltre potrai decidere le dimensioni della punta del pennello in maniera tale da poter lavorare anche le parti più strette.

 

GRAY

Il menù Gray ti permetterà (anche questo tramite apposito pennello) di trasformare tutta o alcune parti della foto in bianco e nero. Anche in questo caso potrai decidere la dimensione della punta del pennello.

 

RECOLOR

Il menù ReColor ti permetterà di riattivare tutti i colori della foto con un solo click, questa funzione però è disponibile solamente la versione a pagamento.

 

ZOOM

Il menù Zoom ti permetterà di zoomare la foto per poter lavorare meglio i dettagli della foto.

 

Una volta che hai finito di lavorare la tua foto puoi decidere se salvarla e/o condividerla su tutti i social, se hai la versione free sulla foto in basso a destra verrà applicata la scritta Color Pop. Se hai dimestichezza con i programmi di editing non ti ci vorrà molto per eliminarla.

 

CONCLUSIONI

Trovo questa applicazione molto utile per creare velocemente foto particolari, tu cosa ne pensi ? Ne conosci altre meglio ? Lascia il tuo contributo nei commenti sotto questo post. Color Pop è disponibile per iOS e Android.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.
Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

 

Le applicazioni che non possono mancare ad un fotografo: Polarr

Polarr è una valida alternativa di PS Express, andiamo a vedere come funziona.

 

 

Oggi andiamo a vedere una seconda applicazione per l’editing fotografico che può essere considerata come una valida alternativa a PS Express, ma che allo stesso tempo possono convivere tranquillamente.

La scorsa settimana abbiamo parlato di PS Express (se te lo sei perso puoi recuperare l’articolo cliccando qui) , oggi invece andiamo a vedere una sua valida alternativa: Polarr. Prima di cominciare vi riporto qui l’elenco delle applicazioni che abbiamo visto e di quelle che vedremo nelle prossime settimane.

 

  • PS Express  √
  • Polarr
  • Color Pop
  • Releases
  • Esposimetro
  • Lightroom
  • Spark Post

 

Se conoscete altre applicazioni mi raccomando lasciate i nomi nei commenti sotto questo post.

 

POLARR

 

 

 

Polarr è l’equivalente di PS Express, ovvero un’applicazione di foto editing completa con molte funzioni interessanti. Ma se ho già PS Express perché dovrei scaricare Polarr ?  Domanda più che giusta e la risposta la posso riassumere in tre punti:

 

  1. È sempre un bene avere una valida alternativa
  2. Alcune funzioni sono più efficaci su Polarr
  3. Possono convivere tranquillamente

 

Ok, ora che abbiamo visto il perché dovrei scaricare questa applicazione andiamo a vedere come utilizzarla per ottenere risultati ottimi.

 

MODIFICA IMMAGINI

Una volta che facciamo partire l’applicazione possiamo decidere se scattare una foto direttamente da Polarr oppure scegliere una foto dal nostro Rullino Fotografico. Una volta scelta la foto si apre l’area di lavoro con tutte le funzioni necessarie per modificare le nostre foto.

L’applicazione ha tutte le funzioni che hanno questi tipi di programmi, come abbiamo visto anche per PS Express, quindi la regolazione del colore, della luce, dei dettagli, filtri, effetti vignetta e la regolazione della dimensione.

La funzione più interessante che ho trovato su questa applicazione è, in stile Photoshop, la regolazione della Curve. Questa funzione serve a regolare i diversi punti nell’intera gamma tonale di un’immagine.

 

 

Altra cosa interessane di questa funzione è l’istogramma (in alto a sinistra) con tutti i dati, che variano in tempo reale durante le modifiche, della foto in perfetto stile Reflex (risoluzione, tempo di scatto, apertura focale, ISO).

Sopra la foto potete notare 4 tasti (Aggiungi testo, Forme, Divisori e Presets), quattro funzioni interessanti che potrete utilizzare per rendere speciali le vostre foto. Una volta che avete finito le vostre modifiche potete cliccare sull’icona in basso a destra per salvare la foto.

Qui avete diverse possibilità per il salvataggio:

 

  • Potete decidere la qualità (bassa, media, alta, migliore)
  • Ridimensionare la foto
  • Inserire una filigrana

 

Una volta definiti questi parametri potete decidere se salvare la foto (sovrascrivendo la foto originale) oppure salvando una copia (lasciando inalterata la foto originale).

 

CONCLUSIONI

Polarr, secondo me, è una valida alternativa a PS Express e la cosa che mi è piaciuta molto è la sua estrema personalizzazione. Questa applicazione l’ho scoperta grazie ad un post di Marko Morciano. Polarr è disponibile per iOS, Android e Windows Phone.

La conoscevi questa applicazione? Cosa ne pensi? Ne consoci altre? Lascia il tuo contributo nei commenti sotto questo post.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.
Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).