Google fornisce email da 10 Gb

Google, ultimamente, non ne sbaglia una e tira fuori sempre nuove features interessanti. L’ultima di BigG è quella di integrare GoogleDrive in Gmail. Questo permette di inviare file fino a 10 Gb.

L’integrazione della nuova funzione avverrà in automatico, infatti apparirà un nuovo pulsante che abiliterà gli utenti ad allegare i file provenienti dal proprio account di Google Drive. Una volta terminata questa operazione, Gmail previa autorizzazione, permetterà al mittente di visualizzare il file nell’account di GoogleDrive.

In questo servizio è previsto anche un controllo nel caso in cui i destinatari non abbiano accesso ai file nella cartella di GoogleDrive. In questo caso l’utente verrà avvisato in maniera da poter modificare i parametri di sicurezza.

Ad maiora

L’Iran blocca Google

Il governo iraniano ha bloccato Google e tutti i suoi servizi, l’ha comunicato in diretta nazionale. Se volete approfondire andate qui.

Il motivo è sempre lo stesso: il film “Innocence of Muslims” che gira su Youtube. La censura è avvenuta tramite uno stringato comunicato: “Google e Gmail verranno filtrati a livello nazionale fino ad ulteriori notifiche“.

Il governo iraniano aveva annunciato da tempo di volersi fare una rete tutta sua lasciando fuori il mondo occidentale, questo fatto accelererà sicuramente il progetto. Infatti “entro la primavera del 2013, il governo di Tehran dovrebbe portare a termine le operazioni per una vera autarchia online“.

Ad maiora

Dopo Yahoo colpite anche Google, Microsoft e AOL

Yahoo è stato solamente l’inizio, infatti anche Google, Microsoft e AOL hanno subito il furto di password. Si parla di 106mila account per Gmail, 55mila account per hotmail e 25mila per AOL.

La società anti-malware Sucuri ha creato un sito Yahooleak per verificare se il vostro account di Yahoo ha subito una fuga di dati, basta inserire la propria email yahoo nel campo dove appare Your Email e cliccare il tasto check per effettuare la verifica.

Yahoo attualmente è a lavoro per rimediare alla fuga di dati subita.

Ad maiora