Instagram viola la privacy e vende le foto degli utenti !!

Caduta di stile per l’ultimo arrivato nel mondo dei Social Network, Instagram, aveva raggiunto da pochi mesi il successo (grazie anche all’acquisizione da parte di Facebook) e già rischia un tonfo incredibile.

Infatti, dal 16 gennaio, tutti gli utenti registrati nel momento in cui effettueranno l’accesso, accetteranno automaticamente il nuovo regolamento sui termini di utilizzo del servizio, il quale comprende anche la possibilità di utilizzare le immagini degli utenti a scopo pubblicitario.

In parole povere Instagram utilizzerà le foto caricate dagli utenti a fini pubblicitari senza pagare gli utenti che le hanno scattate, ma cosa più grave senza dare la possibilità di disattivare la funzione.

Una mossa veramente rischiosa questa di cambiare la privacy senza avvisare gli utenti. Attualmente, salvo ripensamenti, l’unico modo per salvaguardare la propria privacy è quello di cancellare l’account.

Ad maiora

Twitter e Instagram divorziano, colpa dell’amante Facebook?

Twitter e Instagram prendono le distanze l’uno dall’altro, alcune voci dicono che sia a causa dell’acquisizione di Instagram da parte di Facebook.

Vediamo meglio cosa è successo. Quando la popolarità di Instagram aumentò, Twitter permise a quest’ultimo di far postare ai propri utenti le foto su Twitter, Le foto venivano postate in alta definizione grazie alla tecnologia delle Twitter Cards. Ma cosa sono le Twitter Cards?

Quando nel vostro tweet inserite un link ad una risorsa esterna come un video su youtube o una foto su Instagram Twitter mostra il contenuto direttamente all’interno del tweet stesso in alta definizione. Per fare questo Twitter utilizza questa tecnologia che viene chiamata Twitter Cards, la quale oggi è possibile implementare su tutti i siti grazie ad appositi meta tag da aggiungere nell’header.
Le Twitter Cards sono reperibili a questo sito: https://dev.twitter.com/docs/cards

Tranquilli, anche se le due piattaforme prendono le distanze, questo non vuol dire che non potrete più postare le foto (scattate con Instagram) su Twitter. Lo potrete fare, rinunciando alla qualità della foto.

Questa, ai più, non sembra essere una decisione spontanea presa dal CEO di Instagram ma più una scelta “imposta” da Facebook che si vuole allontare dai propri concorrenti.

Ad maiora

L’uragano Sandy può mettere offline il WEB

In queste ore tutti gli Stati Uniti, in particolare i cittadini di New York, sono con il fiato sospeso per l’arrivo dell’uragano Sandy (ore 18 italiane) che nelle ultime ore è diventato ancora più grosso e non promette niente di buono.

L’uragano Sandy potrebbe essere una catastrofe anche il per il web, infatti nel suo tragitto c’è anche la Virginia lo stato dove risiedono la maggioranza dei DataCenter che sono la spina dorsale del Cloud Web. Ma che cosa è un DataCenter? Un DataCenter è un luogo dove vengono fisicamente stoccati i dati e le informazioni necessarie a far funzionare servizi web e i dati che noi utenti archiviamo sul Cloud.

A rischio sono Google, Rackspace, Apple e in particolare Amazon. Su Amazon si stima che sia stoccato l’1% dell’intera rete. Questi DataCenter sono a rischio innondazione, che potrebbe mettere ko l’intera server farm, e blackout. E’ vero che i grossi DataCenter hanno dei sistemi di backup per mantenere in piedi tutti i servizi, ma questa volta potrebbero non bastare.

I servizi Web a rischio sono Netflix, Instagram, Reddit e Pinterest. Certo rispetto a quello che potrebbe succedere nel “mondo reale” rimanere senza Instagram non è un problema…ma rimanere senze Rete (in un mondo dove ormai si fa tutto con la Rete) potrebbe diventarlo.

Ad maiora