Foto Jet: crea le tue foto per i Social Media

Oggi andiamo a vedere un nuovo interessante tool online per la gestione delle foto: Foto Jet

Web-Design-Tools
 

La foto giusta può cambiare le sorti di un post (sul blog o sui Social) ma può cambiare anche l’aspetto di un profilo Social, questa cosa l’abbiamo detto più di una volta ma c’è sempre un problema. Non è sempre facile trovare la foto giusta, non è facile trovare una foto originale.

Oggi andiamo a vedere un tool online che può darci una grossa mano per creare foto originali da utilizzare per i nostri post, profili Social e molto altro.

 

FOTO JET

Questo tool online è molto facile da utilizzare e lo trovate al seguente indirizzo url: http://www.fotojet.com/. Una volta arrivati sul sito cliccate su Get Started e vi si aprirà  una pagina con quattro diversi menù.

 

  • COLLAGE
  • SOCIAL MEDIA
  • MISC
  • PHOTO CARD

 

A seconda di quello che volete fare potete trovare diversi sotto menù con diversi template preimpostati oppure potete crearli nuovi. Ad esempio se volete creare una copertina per il vostro profilo Facebook andate sul seguente menù: SOCIAL MEDIA ==> Facebook Cover.

A questo punto potete scegliere diversi template cliccando su quello che vi piace e poi sul tasto CHOOSE, una volta scelto il template è la volta delle foto. Scegliete le foto da inserire sul template (potete anche modificarle con filtri vari), una volta finito potete scegliere il nome per salvare il file, la qualità e il formato del file.

 

CONCLUSIONI

Questo tool l’ho scoperto da poco e devo dire che è veramente eccezionale, naturalmente non è solo per creare foto da utilizzare per i Social ma anche per biglietti simpatici per compleanni, anniversari e altri eventi. Cosa ne pensate? Avete altri tool simili? Se volete potete lasciare il vostro contributo nei commenti sotto questo post.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

Come ti frego il Klout con un tweet

Il Klout Score è veramente un parametro utile?

klout-score-graphic-e1355785069810-980x450

Se utilizzi il web in maniera semi-professionale/professionale conoscerai sicuramente il Klout, ma se non sai di cosa stiamo parlando ecco la definizione presa da Wikipedia.

 

Klout è un servizio di social networking che offre analisi statistiche personalizzate sui social media. In particolare, stima l’influenza degli utenti attraverso il Klout score (da 0 a 100) ottenuto dal grado di interazione nei profili utente di siti popolari di social networking, tra cui Twitter,Facebook, Google+, Linkedin e Foursquare. Questa influenza è ottenuta a partire dall’ampiezza del network dell’utente, il contenuto generato, e il livello di feedback ottenuto.”

 

Quindi in poche parole è un parametro che misura la tua popolarità sui Social Media e in molti casi è anche un parametro importante per lavorare. Nel Klout Score sono coinvolti tutti i Social Network,  ma quello con più peso è Twitter e proprio su Twitter è stato svolto il “mio piccolo test”. Ne hanno già parlato in molti della dubbia validità del Klout Score e io sicuramente non ho fatto questa mega scoperta, ma voglio solamente aggiungere un tassello in più a questa tesi.

 

BASTA UN POCO DI RAP E IL KLOUT VA SU

 Il Klout Score è veramente un parametro così utile? Secondo me no e adesso ti spiego il perché, qui di seguito ti elenco gli ingredienti per “fregare” il Klout Score.

 

  • 1 account VIP
  • 1 frase ad effetto dell’account VIP
  • Un pizzico di fortuna (q.b.)

 

Prendi un account VIP, io ad esempio ho usato quello di Gue Pequeno rapper dei Club Dogo, seguito (in particolare dai giovani). Questo rapper ha da poco fatto uscire un suo cd da solista, che naturalmente ha avuto molto successo. A questo punto prendi una frase ad effetto di questo rapper, nel mio caso ho preso la seguente: “Quegli scemi dei tuoi amici a cui scroccate. Tutta la sera al tavolo, dopo non gliela date!!” A questo punto dovete solamente citare l’account VIP e attendere di ricevere un RT.

Se seguite tutti i passi della ricetta “Come ti frego il Klout con un tweet” e se avete quel pizzico di fortuna ecco quale sarà il risultato.

 

 

Come potete vedere il risultato è stato buono, 16 RT e 40 Preferiti, il tutto perché questo tweet è stato retwittato dallo stesso rapper citato nel mio tweet. Visto il numero di follower che ha Gue Pequeno su Twitter mi aspettavo di più, ma visto che il mio tweet non ha generato niente di utile (era solamente un pezzo di una canzone), praticamente fuffa, il risultato che ha ottenuto il mio Klout Score fa riflettere.

Infatti proprio nella giornata del tweet il mio Klout Score ha fatto un salto di 1 punto, che non è poco, quindi sono passato da 65 a 66 grazie a un tweet fuffa. Quindi, come diceva Bennaker sul suo post, non conta tanto la QUALITA’ di un post ma la QUANTITA’ di interazione che riceve (quindi Like, Commenti e Condivisioni).

 

klout

 

Quindi se io prendessi un argomento delicato e pubblicassi sul mio Facebook un parere che va contro il pensiero della massa, sicuramente riceverei un alto tasso di interazione che mi farebbe schizzare in alto il Klout. Ma che tipo di interazione ? I commenti sarebbero sicuramente al 90% insulti ma che ce frega tanto al Klout interessa la quantità.

 

LE DIMENSIONI NON SONO IMPORTANTI L’IMPORTANTE E’ SAPERLO USARE

 Quante volte abbiamo sentito questa frase? Di solito usata per giustificare qualche mancanza (;D), però forse nel caso del Klout è vera. Specialmente se per diventare “Influencer” basta veramente poco, dai alla massa quello che vuole oppure vai contro la massa per vedere il tuo Klout Score andare alle stelle.

 

CONCLUSIONI

Per molti il Klout Score è fondamentale, per altri no e per altri ancora ha solamente sostituito il righello di fanciullesca memoria. Secondo me, visto i parametri utilizzati, attualmente lascia il tempo che trova visto che la popolarità della singola persona non viene misurata nella qualità dei suoi post, ma nella quantità. E tu cosa ne pensi? Se ti va lascia il tuo parere nei commenti sotto questo post.

Se hai trovato interessante il blog lo puoi votare nella CATEGORIA 27 per il Macchianera Italian Awards cliccando qui.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

Il lavoro online si trova veramente ?

Stai cercando lavoro? Hai mai provato a cercarlo sul web?

lavoro

Sei in cerca di lavoro? Hai provato a cercarlo online? Si online sul web basta digitare www e il gioco è fatto, ma sei proprio sicuro? La mia esperienza direbbe di no, eppure a me il web piace e lo uso molto, in dieci anni di lavoro ho cambiato 4 aziende e solamente una volta ho trovato lavoro rispondendo ad un annuncio sui vari portali web, mentre per tre aziende ho mandato il CV direttamente alle aziende tramite il loro sito.

Allora questi portali servono veramente per trovare online ? Non lo so, quello che so è che i loro algoritmi non sempre funzionano come dovrebbero. Infatti mi arrivano continuamente per email annunci di lavoro che non sono in linea con i miei skill, eppure il mio profilo l’ho completato il più dettagliatamente possibile.

 

SOCIAL MEDIA E BLOG VS PORTALI

Vista la mia esperienza ormai questi portali io li uso poco, in particolare per il motivo che non arrivano annunci in linea con i miei skill, ma una domanda che mi sono posto in questi giorni è: “Per trovare lavoro online è meglio usare i Social Media (o Blog) oppure i Portali? O nessuno dei due e mandare direttamente il CV alle aziende?

 

SOCIAL MEDIA

Ok molto dipende da che tipo di lavoro stati cercando (se vuoi fare il panettiere non credo che il web sia il posto ideale per cercare lavoro), ma facciamo che stai cercando un “lavoro canonico” che puoi trovare anche via web. Hai mai pensato ai Social Media? I Social Media sono una perdita di tempo per ragazzini? No aspetta forse sei fuori strada, si è vero la maggior parte delle persone gli usano per motivi ludici ma se usati bene possono essere degli strumenti di lavoro ottimi.

Partiamo da LinkedIn il Social Network dei lavoratori, il Social Network del Lavoro. Aprendo un account su questo Social potrai creare il tuo Curriculum Interattivo inserendo Studi, Esperienze Lavorative, Certificazioni e Progetti più sarà dettagliato e più sarà facile farti trovare. Inoltre su LinkedIn trovi anche una sezione Lavoro dove trovi annunci di lavoro in tutti i campi, ti basterà usare bene i filtri.

Youtube & Instagram, questi due Social Network li metto insieme perché hanno due caratteristiche in comune. Entrambi possono essere utilizzati per cercare dei lavori di nicchia ed entrambi sono adatti per cercare dei “lavori artistici”.  Molti youtubers sono partiti da questa piattaforma per arrivare al successo nazionale, chi in TV, chi in Teatro e chi ha scritto un libro. Nomi come Frank Matano, Yotobi, Favij e Francesco Sole vi dicono niente? Anche Instagram, anche se in maniera più ridotta, potrebbe portarti al successo e lavorare. In Italia è ancora difficile però ad esempio negli Stati Uniti, a New York City per la precisione, una ragazza di 25 anni (Liz ma su Instagram la trovate con l’account newyorkcity) viene pagata per fare foto (e pubblicarle su Istagram) alla sua città. Praticamente è un lavoro da fotoreporter che per gli appassionati è l’ideale.

Facebook si proprio lui il re dei Social Network, ma anche il re del cazzeggio, può essere utilizzato per lavorare. A differenza dei precedenti Social, su Facebook è più facile crearsi un business partendo da zero che fare una propria e vera ricerca. Da quando è nato in molti hanno creato un proprio business o utilizzato per farsi pubblicità. Sei un consulente? Hai una attività ? Le FanPage sono li pronte per te….USALE !!

 

BLOG

Se vai su internet e cerchi se vale la pena aprire un blog per la propria attività troverai Kilobyte e Kilobyte di dati che diranno sempre la stessa cosa: Il Blog è fondamentale per la tua attività. Perché? Perché un blog (se gestito bene) è la tua vetrina, il tuo CV, un modo per fornire consulenze gratuite insomma un modo per trasformare dei lettori in potenziali clienti.

Non importa se stai creando la tua attività da zero oppure se la tua attività è già avviata, un blog lo devi avere perché sicuramente sarà un plus.

 

CONCLUSIONI

Questa è la mia esperienza e la mia idea ora torniamo alla domanda iniziale: Il lavoro online si trova? Conviene usare i Portali per cercarlo? Se volete potete lasciare la vostra idea, la vostra esperienza, nei commenti.

Se hai trovato interessante il blog lo puoi votare nella CATEGORIA 27 per il Macchianera Italian Awards cliccando qui.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).