#SEO: le 3 cose che non devi fare

Fonte Foto
Fonte Foto

 

Il lavoro del SEO non è per niente facile, bisogna stare attenti a 1000 cose e Google di certo non aiuta visto che cambia frequentemente le regole in gioco. A complicare la vita del bravo SEO ci sono anche i “soliti furbetti” che le provano tutte per esseri li: in prima posizione.

Nei primi posti puoi arrivarci anche senza usare trucchetti, quindi andiamo a vedere in questo post quello che tu, bravo SEO, non devi proprio fare.

 

LINK BUILDING SI, SOCIAL MEDIA NO

I Social Media ormai sono una realtà consolidata e non possono essere ignorati, devono per forza di cose essere inseriti nelle strategie di marketing e SEO. Questo non vuol dire che bisogna lasciar perdere il link building, anzi una buona attività di link building e l’utilizzo giusto dei Social Media possono dare dei risultati ottimi.

Inserite nel vostro sito i widget per le condivisioni sui Social fate PR sui vari Facebook, Google+, Twitter insomma dovete essere presenti, non ci sono più scuse.

 

KEYWORDS

Le keywords sono importanti ma questo non significa che ne dovete abusare, infatti molti utilizzano una quantità eccessiva di keywords convinti che più ne usano e più hanno possibilità di essere tra i primi. FALSO !!

Le keywords devono essere poche ma giuste, esistono diversi tools per identificare quelle giuste per la vostra nicchia. Inoltre Google non vede bene chi utilizza troppe keywords, anzi lo penalizza. Alcuni consigliano addirittura di non usarle proprio, io invece dico che si possono utilizzare: poche ma buone.

 

MOBILE

I numeri parlano chiaro le connessioni da device mobili hanno superato quelle da computer fissi, quindi non si può più ignorare questo settore. Il vostro sito deve essere fruibile anche da smartphone e tablet, quindi dovete costruire un sito responsive.

 

CONCLUSIONI

SEO, si dico proprio a te,  hai altri consigli da aggiungere a questa lista? Lascia il tuo parere nei commenti sarà sicuramente utile anche ad altri.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

BuzzSumo per sapere di cosa si parla sui Social Media

Fonte Foto
Fonte Foto

Quando siamo sul web siamo sottoposti sempre a un numero elevato di informazioni e spesso le migliori ci scappano, BuzzSumo è un tool molto utile per trovare rapidamente gli articoli più condivisi su un determinato argomento. Il sito è raggiungibile a questo link: BuzzSumo.

Una volta che siamo entrati dentro il nostro account troveremo una schermata dove a sinistra possiamo definire i filtri per le ricerche e al centro avremo il box per inserire le keywords per le ricerche. Ad esempio se vogliamo trovare quali sono gli articoli su Android più condivisi sui Social Network basterà inserire “Android” e questo è il risultato:

 


Altra funzione interessante è quella di poter scegliere se visionare i Top Content o gli Influencers in maniera di avere sempre informazioni di qualità. Inoltre questo tool è molto utile anche per verificare il proprio lavoro, infatti potremmo avere informazioni della diffusione dei nostri articoli e avere un feedback significativo.

Questo tool l’ho scoperto grazie al blog, molto interessante di Alessandra Toni che vi consiglio di seguire.

 

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi 😀 ).

Ad Maiora

Startup e Social Media, come andiamo?

Fonte Foto
Fonte Foto

In questi ultimi anni abbiamo assistito al  sempre più crescente aumento del numero di Startup e purtroppo anche alla chiusura di molte Startup. I Social Media potrebbero dare una mano a queste Startup per emergere ? Sulla rete ho trovato una interessante Infografica, creata da Agnipravo Senguptache spiega questo concetto.

STARTUP – SOCIAL MEDIA, BINOMIO VINCENTE?

CONCLUSIONI

Secondo me il binomio potrebbe essere vincente e duraturo, voi cosa ne pensate? Lasciate il vostro parere nei commenti sotto questo articolo, hai una Startup? Lascia la tua esperienza.

Ad Maiora

Mr Tozzo