Lettera aperta per Matt Mullenweg (il fondatore di WordPress.com)

Lettera aperta per Matt Mullenweg

tasti-macchina-da-scrivere

In questa settimana le pubblicazioni sul blog sono state stravolte a causa di un problema che riguarda tutti i blogger in particolare chi usa WordPress.com, stiamo parlando di Cookie Law. Visto l’assenza di risposte da parte di WordPress questo potrebbe essere uno degli ultimi post su questa piattaforma.

Prima però di chiudere i battenti e traslocare ci provo ancora e se proprio bisogna chiudere provo a farlo alla grande con una Lettera aperta a Matt Mullenweg. Per molti questo nome potrebbe non dire niente ma se hai un blog su WordPress.com (almeno fino ad oggi) lo devi a lui che è il fondatore di questa piattaforma.

Caro Matt il mio blog è aperto da oltre 6 anni e tra le tante piattaforme a disposizione, alcune anche meglio della tua, io ho scelto WordPress.com quindi ho scelto te. Voglio essere sincero la tua piattaforma ha molti limiti, quali? Il codice non lo posso toccare, i plugin non li posso installare, niente script, niente modifiche al tema insomma tutte cose che mi rendono la vita da blogger più difficile perché anche inserire una semplice foto con un link diventa una impresa titanica.

Certo la piattaforma ha anche i suoi lati positivi, altrimenti non avrei avuto una permanenza così lunga. Quello che mi è piaciuto subito, e che mi ha convinto ad aprire il blog qui, sono le seguenti cose:

 

  • Community che ti permette di conoscere blogger e farti conoscere, cosa molto importante specialmente quando sei un “pivello”.
  • La possibilità di mettere i Mi Piace, si lo so è molto narcisistica come cosa però quando sotto il tuo post vedi più di 10 blogger che hanno messo un mi piace al tuo blog..credimi è molto piacevole.
  • Gestione da Mobile, l’applicazione per gestire il blog da smartphone è fatta molto bene. Ti permette di gestire i commenti, le statistiche e di scrivere anche un post in maniera molto comoda e completa.
  • Pannello di Amministrazione, qui c’è il DNA di WordPress.org quindi una garanzia

Questi sono i motivi principali che hanno offuscato i limiti e mi hanno convinto a rimanere qui, questo però fino ad oggi. Infatti come è stata gestita la questione Cookie Law non mi è piaciuta per niente, sembra quasi che non ti interessi la questione e quindi di conseguenza un disinteresse nei confronti dei blogger europei (e pure sono una buona fetta del tuo business).

Naturalmente prima di arrivare a scriverti mi sono informato sul web ma il forum italiano è peggio del Deserto dei Tartari, quello inglese ti fornisce solo soluzioni ufficiose che non sono applicabili per le leggi europee. Ho chattato anche con i tuoi tecnici, che sono bravissimi, ma anche loro l’unica cosa che mi hanno detto è che forse una soluzione arriverà per fine estate..forse.

Caro Matt l’estate finisce il 21 settembre e io nel periodo 3 giugno – 21 settembre che faccio? Rischio la multa? Poi parliamo un attimo di questa multa, in teoria ti dovresti preoccupare più te che io. Perché ? Perché è come se affitto una macchina e poi mi fanno la multa perché la macchina non ha la revisione. La stessa cosa vale per la TUA piattaforma che tu affitti a me, se la tua piattaforma non si adegua alle leggi europee la multa dovrebbe arrivare a te.

Io una alternativa l’ho già creata e ho già iniziato a fare il trasloco, se entro il 1 giugno non farai qualcosa sarò costretto a chiudere tutto e andare nella nuova casa.

Spero che questo post arrivi direttamente a Matt Mullenweg e per farlo ho bisogno delle vostre condivisioni.

Autore: Mr Tozzo

Ciao sono ANDREA TOXIRI (aka Mr Tozzo), Street e Portrait Photographer. La fotografia è una passione che coltivo da tempo e che in questi ultimi anni è diventata sempre più dominante. I generi di fotografia che preferisco sono: Street Photography, Portrait, Sport e Foto Reportage, naturalmente alla pratica affianco sempre lo studio per tenermi sempre aggiornato e migliorare il mio stile.

83 pensieri riguardo “Lettera aperta per Matt Mullenweg (il fondatore di WordPress.com)”

  1. Perché non gli scrivi direttamente? Io anni fa l’ho intervistato e mi ha risposto al volo. Poi gli ho chiesto il permesso di usare il logo di WP nella mia guida e sempre al volo mi ha dato l’ok.

    "Mi piace"

  2. Come già detto nel post sui cookies, non mi entusiasma l’idea di trasferire il blog: ho visto passando da Blogger a WordPress che comunque qualcosa si perde.
    Concordo sul fatto che per un blogger come me, che lo fa per pura passione, senza obiettivi di guadagnare o altro, WP.com va più che bene.
    Io stavo valutando la possibilità di un trasferimento su Altervista, che da quello che ho capito lavora cmq su piattaforma WordPress. Qualcuno ha esperienza in merito? è consigliabile?

    Piace a 2 people

      1. appena provato ad eseguire l’importazione del mio blog (è molto semplice, in teoria, basta inserire l’indirizzo…) mi dice che l’indirizzo non esiste! Ho come l’impressione che lasci trasferire soltanto WP.org… e quindi una soluzione è già saltata…

        Piace a 1 persona

  3. una soluzione ci sarebbe… è molto laboriosa, ma potrebbe essere un modo per evitare il trasferimento. Mettere in tutti i post e in tutte le pagine, proprio all’inizio, un’immagine ben visibile, con la scritta relativa ai cookies e che collega alla Cookie policy del sito.
    Potrebbe funzionare?
    Certo, mancherebbe la parte relativa al blocco preventivo…però sarebbe una soluzione tampone…

    "Mi piace"

    1. Appunto, manca il blocco preventivo previsto dalla legge, quindi non è una soluzione.
      Una soluzione sarebbe togliere i bottoni social se usano i cookie e togliere le statistiche se usano i cookie.

      "Mi piace"

        1. Le statistiche di WP non sono un problema, rientrano nei cookies tecnici. Diverso è il discorso di Google Analytics, che io ho già eliminato.
          Presumibilmente toglierò anche i pulsanti social.
          Mi resta il dubbio sui video You Tube che ho dentro alcuni post. Ho fatto una prova e anche se il video non parte in automatico, sembrerebbe che Youtube faccia partire immediatamente un cookie…

          Piace a 1 persona

                1. Tendenzialmente sì. Diciamo che il passaggio in più da fare, tramite alcuni strumenti che riescono a rilevare i cookies, è verificare che tolti tutti i tasti social, YouTube e quanto c’è sul tuo blog, non ci siano altri cookies dati per esempio da widget che hai messo (Google Maps, per esempio). A quel punto, puoi anche non avere il widget, ma solo l’informativa. Se vai sul sito di Iubenda, trovi una tabella sintetica che spiega molto bene i casi.

                  "Mi piace"

  4. Ragazzi ho alcune informazioni in merito a questa triste faccenda. Innanzitutto ho mandato un email al Garante della Pricavy per sottolineare le lacune legislative della normativa in merito a piattaforme gestite da società e non da singoli utenti, come wordpress, ma la risposta ancora non mi e` stata data. In secondo luogo sul gruppo di Facebook “fatti di cookie” ci sono continui aggiornamenti sulla vicenda. Bene , nemmeno gli operatori del centralino sanno come verrà applicata la normativa, ma secondo quanto hanno scritto poco fa la settimana prossima ci saranno aggiornamenti in merito alla normativa. In poche parole il garante potrebbe rivedere alcuni punti

    Piace a 1 persona

        1. Su Fatti di cookies, una persona ha scritto che è riuscito ad entrare con gli uffici del Garante, che hanno specificato che, viste le difficoltà interpretatorie incontrate, entro la prossima settimana verrà emessa una nota chiarificatrice. Una delle risposte data al telefono è che per cookie di terze parti servirà certamente il blocco preventivo. Per cui occorrerà togliere tutti i plugin social, Youtube e quanto d’altro ci sia.
          Altra cosa praticamente certa: lo scroll nella pagina verrà considerato accettazione della policy, non necessariamente il click.

          Piace a 2 people

          1. Ora ho letto il testo normativo sul sito del Garante e da come ho capito io, Automattic e`il diretto responsabile degli accordi con le terze parti e quindi noi siamo tutelati.

            ecco il pezzo:
            4.2. L’informativa estesa.
            L’informativa estesa deve contenere tutti gli elementi previsti dall’art. 13 del Codice, descrivere in maniera specifica e analitica le caratteristiche e le finalità dei cookie installati dal sito e consentire all’utente di selezionare/deselezionare i singoli cookie. Deve essere raggiungibile mediante un link inserito nell’informativa breve, come pure attraverso un riferimento su ogni pagina del sito, collocato in calce alla medesima.
            All’interno di tale informativa, deve essere inserito anche il link aggiornato alle informative e ai moduli di consenso delle terze parti con le quali l’editore ha stipulato accordi per l’installazione di cookie tramite il proprio sito. Qualora l’editore abbia contatti indiretti con le terze parti, dovrà linkare i siti dei soggetti che fanno da intermediari tra lui e le stesse terze parti. Non si esclude l’eventualità che tali collegamenti con le terze parti siano raccolti all’interno di un unico sito web gestito da un soggetto diverso dall’editore, come nel caso dei concessionari.
            Al fine di mantenere distinta la responsabilità degli editori da quella delle terze parti in relazione all’informativa resa e al consenso acquisito per i cookie di queste ultime tramite il proprio sito, si ritiene necessario che gli editori stessi acquisiscano, già in fase contrattuale, i suindicati link dalle terze parti (con ciò intendendosi anche gli stessi concessionari).
            Nel medesimo spazio dell’informativa estesa deve essere richiamata la possibilità per l’utente (alla quale fa riferimento anche l’art. 122, comma 2, del Codice) di manifestare le proprie opzioni in merito all’uso dei cookie da parte del sito anche attraverso le impostazioni del browser, indicando almeno la procedura da eseguire per configurare tali impostazioni. Qualora, poi, le tecnologie utilizzate dal sito siano compatibili con la versione del browser utilizzata dall’utente, l’editore potrà predisporre un collegamento diretto con la sezione del browser dedicata alle impostazioni stesse.

            Piace a 1 persona

  5. Dopo il post di oggi ho appena ricevuto la seguente risposta:

    The following is from our legal team:

    We’re aware of the recent EU privacy directive and the related UK Cookie Law. As of now, the relevant authorities haven’t issued concrete guidance on the actions that are necessary to comply with the law. We’ll be watching as the situation develops and may make changes to our services in the future, if required.

    For now – since sites hosted at WordPress.com do make use of cookies, you may like to flag this fact for visitors to your site. One way to do this is to add a text widget to your side bar and include a link to our privacy policy (which contains information on the cookies that we use). You might also inform your visitors that they can refuse all cookies by changing the settings of their browsers.

    Our Privacy Policy can be found here:

    http://automattic.com/privacy/

    Instructions for adding a text widget to your site can be found here:

    http://en.support.wordpress.com/widgets/text-widget/

    Piace a 1 persona

  6. Fortunatamente è possibile tutelarci ulteriormente grazie all’utilizzo del widget che hai linkato. Mi sembra il minimo visto che abbiamo dei vincoli legati alla modifica del codice. Inoltre mi auguro che venga fatta non solo ulteriore chiarezza ma semplificazione delle norme inerenti ai cookies ed alla privacy e che tutti si attengano a queste rigorosamente.
    Mr Tozzo complimenti per l’articolo e penso che tutti i blogger di WordPress concordino con quanto hai scritto.

    Piace a 1 persona

      1. Su TagliaBlog, nei vari commenti (246!!!) si parla anche di Blogger. Se ho ben capito e come immaginavo, il banner che esiste nella Navbar è solo di Google. Quindi non è sufficiente e non è la soluzione.
        A meno poi di utilizzare una soluzione come Iubenda, implementando il codice (e quindi pagando i famosi 19 eur).
        Avevo giá visto la stessa risposta sul forum di WordPress Europa, 3 anni fa, quando la legge era giá stata implementata negli altri paesi europei. Vediamo cosa succede nei prossimi giorni.

        Piace a 1 persona

  7. Non posso fare altro che aiutarti a condividere il post e lo faccio con molto piacere 🙂 Spero che la situazione si risolva completamente!
    In bocca al lupo! 🙂

    Piace a 1 persona

      1. Ribadisco una cosa, confermata su un altro blog. Passare a Blogger o altra piattaforma non garantisce automaticamente di rispettare la legge. Come è scritto in questo blog, dipende dalle aggiunte che si fanno al proprio blog.
        L’importante è riuscire ad implementare il banner e scrivere correttamente l’informativa estesa. Inoltre, occorrerà verificare alla fine di questa settimana la nota esplicativa del Garante, ma il vero problema resta soprattutto il blocco preventivo dei cookies, che obiettivamente non è ancora stato implementato in maniera corretta da nessuno (nemmeno Iubenda, che lo sta testando).
        Quindi, dal mio punto di vista, prima di optare per passaggi su altre piattaforme, è meglio procedere per gradi.

        Piace a 1 persona

          1. Da un punto di vista legale, non saprei dirti. Tuttavia, resta il problema del blocco dei cookies. Tu hai scritto un’informativa, ma entrando nel tuo blog, il mio pc ha ricevuto una serie di cookies senza che io abbia dato alcun consenso. Quindi, per la legge, sei perseguibile. E questo ti capita sia su WordPress, sia su Altervista, ovunque!

            Piace a 1 persona

            1. E allora se WordPress.com non si muove a trovare una soluzione c’è poco da fare…tocca chiude i battenti.

              Su Blogspot almeno appare il banner dove devi cliccare su Ok (e appare su ogni pagina). Se non usi Adsense, Analytics e Affiliazioni varie può bastare l’informativa che ha inserito Google.

              "Mi piace"

              1. se clicchi su Informazioni, vedrai che spiega SOLAMENTE cosa utilizza Google.
                Non dice nulla rispetto a tutto il resto.
                E poi, Google blocca preventivamente i cookies? non credo proprio…

                "Mi piace"

                1. Si l’avevo letto….sono quelli che utilizza Google per gestire Blogspot? A questo punto non so più che dire…mi arrendo e aspetto venerdì per capire come andare avanti !! :-/

                  "Mi piace"

                  1. Assolutamente sì. Non dice altro rispetto ai cookies degli altri.
                    Non c’è da aspettarsi nulla per venerdì, chi ha sentito il Garante ha già detto che verranno confermate le linee guida. Conoscendo i legislatori italiani, secondo me daranno delle deroghe alle multe, facendole partire per esempio dal 2016, in modo che tutti si possano mettere in regola.
                    Io nel dubbio, lascerò solo i post, nessun modo di condividere o widget particolari.

                    Piace a 1 persona

                    1. Ma certo. Non sono certo io quello a cui devono rompere le scatole.
                      Nella peggiore delle ipotesi, quando mi facessero la multa, lo chiudo immediatamente. Salvandomi un backup del sito, ovviamente!

                      Piace a 1 persona

  8. Ciao Mr. Tozzo,
    ieri nell’ultimo thread sul forum di WordPress
    https://en.forums.wordpress.com/topic/complying-with-eu-cookie-law?replies=21

    pare si sia giunti alla conclusione di esplicitare nella home del blog il fatto che è WordPress – e non l’utente – a settare e i cookie come previsto dalla privacy policy di automattic (che va linkata), e stop. Io ho aggiunto ulteriori spiegazioni in un’altra sezione del sito, ma resta comunque il fatto che nessuna soluzione che possiamo implementare è comunque a norma di legge.

    Condivido volentieri la tua lettera aperta!
    Un saluto,
    cris

    Piace a 1 persona

    1. Si purtroppo questa è l’unica cosa che possiamo fare (puoi vedere anche la soluzione che ho adottato io), però come dici giustamente te non è quello che richiede il Garante.

      Però io sono del parare che la multa la dovrebbe prendere Automattic e no noi, del resto è come se affitto una macchina e il vigile mi fa la multa perché la macchina non ha la revisione, la multa la devi al proprietario della macchina e non a me.

      "Mi piace"

          1. che tra l’altro è già disponibile sul .org: è davvero così oneroso/faticoso implementarlo anche sul .com?
            Mah! Misteri di wordpress…

            "Mi piace"

              1. Sono assolutamente d’accordo. Basterebbe veramente implementare un widget veloce per far comparire il banner. Credo che gli sviluppatori dovrebbero fare solo un copia ed incolla dei plugins che stanno nascendo per il WP.org…

                Piace a 1 persona

    1. Guarda io ho fatto tutto a mano perché ho trasferito solo la struttura, i post per adesso no.

      Comunque devi prima farti un backup dei dati su wordpress (leggi qui ). Poi vai nel pannello di amministrazione di blogspot e vai su Impostazioni ==> Altro e clicca su Importa blog . Così carichi il file generato dal backup di wordpress (visto che passi da wordpress a blogspot potresti avere dei problemi di allineamento).

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.