[HELP WORDPRESS]: Come creare una pagina About “FIKA” per il tuo blog

Come creare una Pagina About veramente FIKA

 

La pagina About (aka Chi Sono) è una delle pagine più importanti per un blog, ma allo stesso tempo è anche una delle pagine più trascurate. Se apri un blog devi entrare nell’ottica che è il tuo biglietto da visita.

Quando arrivo su un nuovo blog (perché magari trovo un post tramite Google) dopo aver letto l’articolo che mi interessa, se lo trovo valido, vado a vedermi subito la pagina About per capire chi è che scrive e cosa fa nella vita.

Nella maggior parte dei casi trovo delle pagine scarne, poco curate oppure delle pagine about che sono il copia e incolla dei curriculum. Quando aprite un blog dovete pensare alla Pagina About come un biglietto da visita, non deve essere prolissa ne troppo sintetica e deve parlare di voi. In un web dove siamo tutti anonimi dietro uno schermo sapere con chi stiamo parlando è sempre un punto a favore.

 

COSA FARE E COSA NON FARE CON UNA PAGINA ABOUT

Iniziamo mettendo una nostra foto, una foto che ci rappresenta insomma una bella foto (si lo so la mia la devo cambiare ;D ). Come dicevo prima in un web dove siamo tutti anonimi dietro uno schermo sapere con chi stiamo parlando è sempre un punto a favore.

La seconda cosa che dobbiamo fare è parlare di noi, ma questo non significa fare il copia e incolla del nostro CV ma dire chi siamo, perché abbiamo aperto il blog, quali sono le nostre aspirazioni. Insomma fare emergere la parte “umana” del blogger. Per quanto riguarda il nostro CV abbiamo due soluzioni:

 

  1. Facciamo scaricare il nostro CV in pdf
  2. Rimandiamo al nostro profilo LinkedIn

 

Naturalmente, se adottiamo la seconda soluzione,  cerchiamo di mantenere aggiornato e ottimizzato al meglio il nostro profilo LinkedIn. Se non sai come fare ti consiglio di leggere questi post:

 

  1. [Mossa 1]: Ottenere un profilo LinkedIn vincente in 5 mosse
  2. [Mossa 2]: Ottenere un profilo LinkedIn vincente in 5 mosse
  3. [Mossa 3]: Ottenere un profilo LinkedIn vincente in 5 mosse
  4. [Mossa 4]: Ottenere un profilo LinkedIn vincente in 5 mosse
  5. [Mossa 5]: Ottenere un profilo LinkedIn vincente in 5 mosse

 

La terza cosa che dobbiamo fare è quello di spiegare cosa possiamo fare noi per i lettori e perché dovrebbero scegliere noi, questo non significa fare l’elenco di quello che abbiamo fatto e di quanto siamo bravi (per quello possiamo sempre rimandare al nostro profilo LinkedIn), quindi parliamo in maniera semplice (senza usare i paroloni) spiegando i nostri servizi.

A questo punto vi manca solamente di mettere i vostri contatti (email, telefono) e i vostri profili Social, per quanto riguarda i profili Social mettete solamente quelli dove siete realmente attivi. Mettere un profilo Social che non utilizziamo da 1 anno è inutile e dannoso.

Ottimizzate l’url della vostra pagina con un nome che si ricorda facilmente, ad esempio può essere http://www.mioblog.it/about, http://www.mioblog.it/chisono oppure http://www.mioblog.it/mariorossi.

 

PAGINA ABOUT  ALTERNATIVA

La pagina About non deve essere per forza scritta ma (se siete pratici a fare video e siete a vostro agio davanti una telecamere) potete pensare di fare tutto quello che ho scritto io con un bel video. Anzi penso che un pagina About fatta in questa maniera sia veramente FIKA !!!

 

CONCLUSIONI

Tu la controlli mai la pagina About dei blog che visiti? Come hai impostato la pagina About del tuo blog ? Se vuoi approfondire ti consiglio di leggere il post di Antonio Luciano che ha intervistato 30 blogger chiedendo a loro cosa ne pensano sulla pagina About:”Pagina About obsolescente? La risposta di 30 blogger”.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

 

Come scegliere il migliore tema wordpress per il tuo blog

Alcuni accorgimenti per scegliere il Tema Wordpress giusto per il blog.

Il successo di un blog è determinato dai suoi contenuti, vero, ma anche l’aspetto conta. Quindi scegliere il giusto tema può fare la differenza per il vostro blog.

Quando decidiamo di aprire un blog dobbiamo pensare a molte prima di andare online, una di queste cose è l’aspetto grafico che vogliamo dare al nostro blog. La scelta non è facile ne può essere fatta in maniera superficiale.

Se usi WordPress avrai sicuramente notato che esistono tanti, forse troppi, temi per wordpress e questa è già una prima difficoltà. Infatti la pigrizia potrebbe portarci a scegliere una tema a caso e questo potrebbe essere dannoso per il nostro blog.

La scelta di un tema non determina solamente l’aspetto che avrà il vostro blog, ma avrà un peso importante anche sulle sue prestazioni. Molti temi risultano “pesanti” e questo potrebbe rallentare la velocità del vostro blog, altri pericolosi.

Quando andiamo a scegliere un tema la prima cosa che dobbiamo andare a vedere è quando è stato fatto l’ultimo aggiornamento, se trovate un tema che non viene aggiornato da 5 anni è meglio lasciarlo perdere, potrebbe essere fonte di guai.

Inoltre alcuni temi hanno delle funzionalità che per alcune tipologie di blog non vanno bene mentre per altre si, quindi come vedete la scelta di un tema non è proprio una cosa scontata e veloce. Quindi come si fa per scegliere il tema migliore per il nostro blog ? 

 

 4 CARATTERISTICHE DA CONSIDERARE

Quando dobbiamo scegliere il tema per il nostro blog dobbiamo tenere in considerazione soprattutto tre cose:

 

TEMA LAYOUT RESPONSIVE

Un tema per essere preso in considerazione deve essere Layout Responsive, ovvero deve essere un tema che si deve adattare anche alla visione su dispositivi Mobile (smartphone, tablet). Il blog deve avere delle buone prestazioni e deve essere facilmente fruibile sia nella versione Desktop che nella versione Mobile.

Tutto questo è fondamentale perché Google ha aggiornato il suo algoritmo e va a penalizzare quei siti/blog che non sono Layout Responsive.

 

CHE BLOG DEVI CREARE ?

Come abbiamo detto prima esistono molti temi wordpress e alcuni vanno bene per una tipologia di blog e altri no, questo significa che alcuni temi sono strutturati e hanno funzionalità che vanno bene per un Food Blogger e non per un blog sulla fotografia. Quindi capite bene cosa volete fare.

 

FEEDBACK

Prima di installare il nuovo tema controllate sempre che feedback hanno lasciato altri utenti, le recensioni spesso lasciano il tempo che trovano perché possono “taroccate” però molte volte sono anche utili per capire la bontà di un tema

 

AGGIORNAMENTI

Un tema che viene aggiornato spesso è segno che ha una community attiva alle spalle e che il progetto è ancora vivo, un tema che non viene aggiornato da 5 anni significa solo una cosa: NON INSTALLARE !!

 

CONCLUSIONI

Questi sono i piccoli accorgimenti che devi avere quando decidi di aprire un blog su WordPress (non mi dire che stai su blogger…ma dai !!?!?!), perché quando decidi di buttarti nella blogosfera non puoi lasciare niente al caso.

Hai domande ? Dubbi ? Quale tema usi (o vorresti usare) per il tuo blog ?  Sfrutta i commenti sotto questo post per lasciare il tuo contributo.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.
Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

 

2 plug-in per gestire al meglio i commenti

2 plug-in per gestire al meglio i commenti nel blog.

cms-265128_1280

I commenti sono molto importanti per un blog perché grazie a loro possiamo capire molte cose su come sta andando il nostro blog oppure possono essere uno spunto per nuovi post.

 

Insomma i commenti sono per il blog una vera e propria linfa vitale e se vogliamo possono essere anche un indicatore di salute per il nostro blog, ma quello di gestire i commenti non è un lavoro facile. Recentemente la Cassazione ha dichiarato che “Chi amministra un portale di qualsiasi genere su Internet è responsabile dei commenti lasciati dai lettori“.

Capite bene che diventa importante, se non vitale, gestire al meglio i commenti che i nostri lettori lasciano sotto i nostri post. Se usate WordPress avete già integrato un gestore dei commenti molto efficace, ma se cercate qualcosa di più allora dovete affidarvi a qualche plug-in esterno. Io ne ho individuati 2 che secondo me fanno il loro lavoro in maniera onesta.

 

IL DUO DELLE MERAVIGLIE

Prima di andare avanti volevo specificare una cosa, secondo me, molto importante che si può applicare nella gestione dei commenti ma ance nel web in generale.

 

“NESSUN PLUG-IN O SOFTWARE RIUSCIRÀ MAI A SOSTITUIRE IL BUON SENSO DI UNA PERSONA”

 

Quindi non affidatevi al 100% a questi plug-in, ma cercate di mantenere sempre il controllo del vostro blog.

 

DISQUS

Disqus forse è il plug-in più famoso per la gestione dei commenti, può essere scaricato cliccando su questo url: https://wordpress.org/plugins/disqus-comment-system/ 

Questo plug-in è molto facile da utilizzare ma allo stesso tempo è un gestore dei commenti professionale che semplifica la vita del povero amministratore del blog. Una peculiarità di Disqus è che indicizza i commenti all’interno dei motori di ricerca migliorando, migliorando la SEO dei nostri post e quindi aumentando la visibilità del nostro blog.

Altra funzione molto interessante è l’Auto-Sync (tra Disqus e il database di WordPress) che permette il backup di tutti i commenti sul blog.

 

FACEBOOK

I commenti di un blog possono essere gestiti anche tramite Social Network e secondo voi poteva mancare Facebook ? La risposta è scontata ed è no, tanto che potete trovare il plug-in per gestire i commenti tramite il Social di Mark a questo url: https://wordpress.org/plugins/facebook-comment-by-vivacity/

Utilizzare questo plug-in aiuta molto per la gestione dei commenti, ma anche per aumentare la visibilità dei propri post visto che i commenti lasciati sul blog e quelli lasciati su Facebook vengono integrati.

Inoltre, grazie al fatto che si può commentare tramite il proprio account di Facebook, invogliano i lettori a lasciare un commento sotto il post senza lasciare Facebook e senza registrarsi lasciando la propria email. Inoltre ci sono molte opzioni di personalizzazione (anche a livello grafico) che rendono questo plug-in uno dei più appetibili.

Questi non sono gli unici plug-in per gestire i commenti, ne esistono tanti altri, ma per me questi sono i migliori per avere una gestione pulita ed efficace dei commenti. Il plug-in che invece proprio non mi è piaciuto è quello dei commenti tramite Google Plus.

L’ho usato per un breve periodo e poi l’ho disinstallato subito perché l’ho trovato troppo casinaro e quando iniziano ad essere molti i commenti diventa veramente difficile gestirli.

 

CONCLUSIONI

Gestire un blog non è, anche se molti pensano il contrario, una passeggiata quindi diventa fondamentale avere gli strumenti giusti per semplificarci la vita. I commenti sono la linfa vitale per un blog, ma possono essere anche letali.

 

“I COMMENTI SONO LA LINFA VITALE PER UN BLOG”

 

Se vuoi approfondire il discorso “commenti” e capire come sfruttarli al meglio allora ti consiglio di leggere anche questi post:

 

 

Voi quale plug-in usate (se ne usate)? Lasciate i vostri contributi nei commenti sotto questo post.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.
Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).