Come pubblicare una Storia su Instagram

Come pubblicare una Storia su Instagram dopo l’aggiornamento

Ogni tanto Instagram si diverte a mischiare le carte in tavola tanto per confondere l’utente e devo dire che questa volta, almeno inizialmente, è riuscito a confondere anche me.

Infatti Instagram ha deciso di modificare la procedura per condividere un post nelle Storie, se prima bastava un click sull’icona ad aeroplano per condividere un post adesso la procedura è diventata più macchinosa.

Tranquilli però rimane sempre molto semplice, solo più lunga. Quindi se volete capire come condividere i vostri post continuate a leggere.

LA PROCEDURA PER CONDIVIDERE

Avete un post su Instagram molto bello che merita di essere condiviso nelle vostre Storie o semplicemente volete condividere la vostra ultima foto? Ok, dopo che avete messo un like al “post molto bello” che volete condividere andate a creare la vostra Storia.

Una volta che avete cliccato su Storia vi si apre la schermata editor per crearla, qui cliccate su Crea che è la prima icona in alto (quella con le due Aa).

Ora una volta cliccato vi appare una schermata dove potete scegliere il colore dello sfondo, una volta fatto cliccate sul tasto centrale sul vostro schermo (quello grosso per capirci).

A questo punto in alto via appaiono delle icone, voi cliccate sulla terza partendo da destra (l’icona vicino la nota musicale) e vi si aprirà una schermata dove troverai il tasto Ricondividi.

Clicca e ti si aprirà una schermata con le foto che hai pubblicato o a quelle dove hai messo mi piace o che hai salvato. Scegli quella che vuoi condividere e il gioco è fatto.

Aggiornamento 03 settembre 2021

La stessa procedura si può eseguire anche inserendo una foto come sfondo.

CONCLUSIONI

Come potete vedere la procedura è molto semplice, hanno solamente allungato il brodo e sinceramente non capisco il motivo. Comunque se avete domande potete sfruttare i commenti sotto questo post.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

[PENSIERI IN BIT]:La mia prima Via Lattea

La mia prima Via Lattea

In fotografia mi piace sempre sperimentare e non fissarmi con un genere fotografico, per me questo è l’unico modo per mantenere sempre alta l’asticella. Ultimamente mi sono appassionato a quella che viene chiamata l’Astro-Fotografia.

A luglio ho iniziato a fare qualche esperimento creando un paio di Star Trails.

L’obiettivo di queste foto è quello di “catturare” la scia delle stelle per creare l’effetto che vedete in foto. Per ottenere questo effetto bisogna impostare un tempo di scatto lungo e scattare una serie di foto (nel mio caso 90 scatti nella prima foto e 135 nella seconda foto).

Questi scatti vengono lavorati in post-produzione e uniti insieme per ottenere un unico scatto. Se ti interessa sapere nel dettaglio come fare scrivilo nei commenti, se c’è interesse farò un post dedicato.

LA MIA PRIMA VIA LATTEA

Il mio vero obiettivo però era quello di “catturare” la Via Lattea, al mare non ero riuscito a prenderla per via del troppo inquinamento luminoso. Infatti per fare questo tipo di foto bisogna trovarsi in dei posti dove c’è pochissima luce (assente sarebbe meglio).

Se volete capire quali sono i posti con il minor inquinamento luminoso potete andare su questo sito: Dark Site Finder.

L’occasione si è presentata quando sono arrivato in Toscana, infatti qui la prima sera ho alzato gli occhi al cielo e ho visto un cielo stellato fantastico, un cielo così purtroppo in città non si vede e quindi non potevo farmi scappare questa occasione.

Questa è la mia prima Via Lattea, una vera emozione!

CONCLUSIONE

Fotografare la Via Lattea è stato veramente emozionante e spero di avere altre occasioni per farlo ancora.

Se vuoi comprare la STAMPA di questa foto puoi andare qui: COMPRA LE MIE STAMPE.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

Roma Storie e Misteri: LA SEDIA DEL DIAVOLO

I Misteri e le Storie di Roma

A Roma abbiamo anche la “Sedia del Diavolo”, esattamente si trova a Piazza Elio Callistio e in realtà è il sepolcro di uno schiavo che si era guadagnato la libertà durante il regno di Augusto e che appunto si chiamava Elio Callistio.

Il sepolcro, diroccato, ha una forma di un grande trono e la leggenda vuole che si stato messo lì dal Re degli Inferi per sedersi comodo nella città Santa, spalle al Vaticano.

Durante il medioevo girava voce che questo fosse un posto frequentato da streghe, briganti e prostitute. Un luogo dove si svolgevano orge e riti occulti, insomma il posto ideale per Satana.