[HTML x TUTTI]: Lezione 0 – TAG di base

html

Se sei un web design esperto o se cerchi un corso per creare siti web allora non continuare a leggere questo post, non fa per te. Questo mini-corso serve per apprendere le basi del codice html per integrare nel proprio blog alcuni widget fatti a mano.

WordPress mette a disposizione un widget molto potente (almeno secondo me), si chiama TESTO il quale permette di inserire codice html per aggiungere quello che vuoi. In questo mini-corso andiamo a vedere le basi per poter inserire senza troppi problemi il vostro widget preferito.

TAG OBBLIGATORI

Il linguaggio html è formato da TAG che servono per definire la struttura di una pagina, alcuni sono obbligatori (senza non abbiamo la struttura) altri invece sono facoltativi. Oggi andiamo a vedere quelli obbligatori.

  • <html> .. </html>
    Quando si inizia a scrivere del codice html per creare una pagina web il primo TAG che dobbiamo inserire è ad inizio pagina, <html>, a fine pagina, </html>, questi due TAG delimitano la zona entro il quale verrà scritto il codice html per generare una pagina web.  Senza questi due tag quello che scriverete non verrà interpretato come codice html e di conseguenza non verrà creata nessuna pagina web.
  • <head>..</head>
    Questo tag, detto anche tag di intestazione,  racchiude parecchie informazioni riguardanti il sito web. L’informazioni che può contenere sono il TITOLO (vedremo nel prossimo punto),  METATAG per i motori di ricerca (vedremo nelle prossime lezioni) e alcuni JAVASCRIPT.

 

  • <title>..</title>
    Questo tag serve per inserire il titolo del vostro sito web, la struttura è la seguente: <title>Il mio primo sito web</title>. La scritta, Il mio primo sito web, apparirà nella barra in alto del vostro browser.
  • <body>..</body> Questo tag definisce il corpo del vostro sito web dentro il quale potrete scrivere il contenuto, inserire foto o altri TAG.

 

La cosa importante è ricordarsi sempre di chiudere il tag che abbiamo aperto: <body>…</body>, <title>……</title> e così via. Se abbiamo tag indentati dobbiamo fare attenzione a come si chiudono, ad esempio: <body><h2>…..</h2></body>. Come notate l’ordine di chiusura segue l’ordine di apertura.

LA PRIMA PAGINA WEB

<html>

<head>

<title>Il mio primo sito web</title>

</head>

<body>

Questo è il mio primo sito web, che bello!!

</body>

</html>

Questo codice rappresenta la vostra prima pagina web.

CONCLUSIONI

La prima lezione termina qui, se avete domande potete lasciarle nei commenti sotto questo articolo. La prossima lezione verrà pubblicata il 16 dicembre 2013.

Ad maiora

Creare un template su PowerPoint

Fonte Foto
Fonte Foto

Quando andiamo a creare una presentazione istituzionale abbiamo la necessità di avere una certa linearità nelle nostre slides, ovvero alcuni oggetti devono apparire sempre e sempre nella stessa posizione (ad esempio il Logo Aziendale).

Certo che se abbiamo una presentazione con un gran numero di slides diventa noioso ogni volta ripetere le stesse operazioni per posizionare i vari oggetti. La soluzione è quella di impostare un template che verrà utilizzato su ogni nuova slides.

CREARE IL TEMPLATE

L’esempio fa riferimento a Power Point 2013. Quello che dobbiamo fare è creare il Master della nostra presentazione, quindi andiamo sul menù VIEW e poi su MASTER VIEWS e andiamo a cliccare su Slide Master.

A questo punto si aprirà la Slide Master, ovvero la slide che verrà utilizzata per tutta la vostra presentazione. Troverete una serie di Slide Master con diverse soluzioni, queste sono quelle standard previste da Power Point.

A questo punto potete fare tutte le modifiche che ritenete necessarie per personalizzare il più possibile la Slide Master in base alle vostre esigenze. Ad esempio potete modificare:

  • Lo sfondo
  • Il carattere del titolo
  • Il colore del testo
  • Il carattere del corpo
  • Inserire un Logo
  • Modifcare il footer della presentazione
  • Inserire il numero delle slides

Tutte queste modifiche una volta  effettuate e salvate saranno applicate ogni volta che verrà creata una nuova slide. Questo automazione vi permetterà di velocizzare il vostro lavoro e fare le cose in maniera più precisa.

CONCLUSIONI

Se hai domande, dubbi o semplicemente vuoi approfondire un determinato argomento lascia la tua domanda sotto nei commenti e avrai la tua risposta.

Ad maiora