2 cose che cambierei di LinkedIn Pulse

Lo conosci LinkedIn Pulse? Io cambierei queste due cose e tu ?

linkedin-689760_1920

 

Da qualche mese sto utilizzando LinkedIn Pulse, la piattaforma per fare blogging di LinkedIn, e devo dire anche con un buon feedback. Il 21 aprile ho scritto un articolo che ha ottenuto molto successo da un punto di vista di LIKE, VISITE e COMMENTI (il post lo trovi qui: AVETE TROVATO LAVORO CON LINKEDIN?).

Grazie proprio a questo post ho notato quello che secondo me è un limite di LinkedIn Pulse: la gestione dei commenti. Il secondo limite che ho riscontrato invece è la gestione dei TAG da inserire nei propri articoli, ma andiamo con ordine.

 

GESTIONE DEI COMMENTI

Come ho detto prima il post “Avete trovato lavoro con LinkedIn” ha ricevuto un buon numero di commenti (attualmente mentre scrivo sono 95), ma con l’aumentare dei commenti sono aumentate anche le difficoltà nel gestirli.

Diciamo che fino a 10/15 commenti la situazione è ancora gestibile, dopo aumenta la difficoltà con l’aumentare dei commenti. Il primo problema dei commenti è il seguente:

 

  • A lascia un primo commento
  • B risponde cliccando sul tasto RISPONDI sotto il primo commento di A
  • A vuole rispondere a B ma non trova il tasto RISPONDI sotto il commento di B, quindi dovrà sfruttare il tasto RISPONDI sotto il suo primo commento. Naturalmente il commento non verrà posizionato in maniera sequenziale dopo quello di B ma andrà in testa

 

commenti

 

La sequenza di questi commenti è: FRECCIA ROSSA, FRECCIA NERA, FRECCIA VERDE. Se a questa conversazione si inseriscono altre persone a commentare, o arrivano nuovi commenti, la situazione diventa ancora più caotica e rischi di perderti qualche commento.

Hai riscontrato anche te questo problema? Lascia la tua esperienza nei commenti sotto questo post (tranquillo wordpress ha una buona gestione dei commenti 😀 !!)

 

GESTIONE DEI TAG

L’altro limite che ho riscontrato in LinkedIn Pulse è la gestione dei TAG da inserire a fine articolo, il problema è che sono tag preconfezionati da LinkedIn e in certe situazioni li trovo molto limitanti. Ok il suggerimento, ma credo che sia molto comodo anche avere la libertà di metter il tag che voglio io.

 

CONCLUSIONI

Questi secondo me sono i due grossi limiti che ha questa piattaforma, comunque trovo che LinkedIn Pulse sia un buon canale di comunicazione da affiancare al nostro blog.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

 

LinkedIn Pulse, lo stai usando male

LinkedIn Pulse lo usi ? E come lo usi? Molti lo usano male, ecco il perché !!

Fonte Foto
Fonte Foto

 

Ieri ho letto un articolo interessante di Angelo Cerrone – “Su Linkedin i gruppi sono morti. Firmato Pulse” , ora tralasciando l’argomento principale del post di Angelo mi vorrei concentrare su quello che uscito nei commenti (che potete trovare qui) ovvero: LinkedIn Pulse, lo stai usando male !!

 

LINKEDIN PULSE: DI COSA PARLIAMO ?

Pulse è un servizio lanciato , ormai da qualche mese, da LinkedIn che permette agli utenti di scrivere dei post (in stile blog) che verranno pubblicati direttamente sulla piattaforma social. Il servizio è molto interessante sia che non hai un blog sia che sei già un blogger.

Nel primo caso, ovvero non hai un blog, può essere utile per “farti le ossa” visto che la piattaforma ha un editor molto simile a WordPress, ma può essere molto utile anche se hai già un blog dove pubblichi giornalmente. Proprio per queste persone che hanno già un blog è rivolto questo post.

 

“Cari blogger/social media specialist  secondo me LinkedIn Pulse lo state usando MALE !! “

 

LINKEDIN PULSE: COME USARLO?

Seguo molte persone su Pulse e quello che ho notato è che molti lo usano come un semplice strumento di redirect verso il proprio blog, sbagliato non è questo l’utilizzo che ne dovete fare !! Pulse può essere un tool potente per migliorare la vostra web reputation e far conoscere la vostra attività e/o conoscenze.

Non usate questa piattaforma come vetrina per il vostro blog principale, ma utilizzatale per comunicare cosa nuove, per stimolare una discussione su un particolare argomento (che magari ai trattato anche sul blog), se sei una azienda puoi usare la piattaforma per interagire meglio con i tuoi clienti (magari proponendo storie con i feedback dei tuoi clienti) o per lanciare nuove iniziative.

Una caratteristica molto importante di questo servizio è che interno a LinkedIn e quindi non dovrai pubblicare il link (esterno) del tuo blog, evitando così quella fastidiosa sensazione di spam.

 

CONCLUSIONI

E tu come lo stai usando Pulse? Ma soprattutto lo stai usando? Lascia il tuo contributo nei commenti, potrà essere utile anche ad altri.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando:Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).