Greenpeace vuole fare Luce su Enel

Greenpeace ha fatto partire una iniziativa che conta, almeno da quello che è riportato sul sito, 23.730 iscritti, anzi “Investigatori climatici”. Greenpeace è una associazione che è sempre stata attenta all’ambiente e a quello che succede intorno a noi, non è vista bene da imprese e multinazionali perché quest’ultime sono le “vittime” preferite di Greenpeace.

L’ultima iniziativa che hanno fatto partire i ragazzi di Greenpeace è “Facciamo luce su Enel, è aperta la caccia al serial killer del clima“, iniziativa per “fare luce” sulle attività di Enel. Greenpeace infatti la accusa di essere la causa, tramite le sue centrali a carbone, delle mutazioni climatiche di questi ultimi decenni.

Il sito della iniziativa è http://www.facciamolucesuenel.org/ e per spiegare meglio chi sono e cosa vogliono riporto qui di seguito le loro motivazioni (che potete trovare anche sul loro sito):

“Secondo le previsioni dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), la più importante commissione di studio delle Nazioni Unite sul riscaldamento globale, se non si ridurranno presto le emissioni di gas serra la temperatura superficiale della Terra, entro la fine di questo secolo, crescerà tra gli 1,8 e i 4 gradi centigradi. Gli scienziati dell’IPCC ritengono, con una probabilità del 90%, che il riscaldamento climatico sia causato dalle attività antropiche. Questo scenario sconcertante è anche e soprattutto la scena di un crimine: i cui colpevoli restano ancora nell’ombra. Un gruppo internazionale di scienziati presieduto dal Nobel Paul Crutzen sostiene che “i cambiamenti causati dall’uomo nella composizione dell’atmosfera e nella qualità dell’aria causano a livello globale 2 milioni di morti premature ogni anno”.
Enel, con le sue centrali a carbone, produce da sola in Italia oltre 26 milioni di tonnellate di CO2.
La CO2 è il gas maggiormente responsabile dell’effetto serra e del caos climatico che minaccia il nostro mondo.
E, per giunta, ha promesso di aumentare la produzione di elettricità da carbone. Per questo siamo sulle sue tracce.

I cambiamenti climatici toccano direttamente il nostro Paese. Le temperature medie dell’Italia si stanno alzando rapidamente. I 10 anni più caldi dal 1800 a oggi sono successivi al 1990; di questi, 6 su 10 sono successivi al 2000.
Le prove che abbiamo raccolto rivelano che gli eventi metereologici estremi si vanno intensificando sempre più. All’aumento medio delle temperature si associano ondate di calore (triplicate negli ultimi 50 anni) e di gelo, con un forte aumento delle giornate di precipitazioni molto intense associate a una generale diminuzione delle precipitazioni nell’arco dell’anno. Stime autorevoli dicono che i cambiamenti climatici, nel 2050, potrebbero costare all’Italia una riduzione del reddito nazionale pari a 20/30.000 milioni di euro.

È in questo scenario, fatto di desertificazioni, alluvioni, freddi eccezionali come quelli dello scorso febbraio, che s’inseriscono molte delle tragedie cui abbiamo assistito inermi negli ultimi mesi.

Sono i disastri che anche il Presidente Giorgio Napolitano ha definito “tributi molto dolorosi che paghiamo ai cambiamenti climatici”: le alluvioni delle Cinque Terre (25 ottobre 2011, 12 morti), di Genova (4 novembre 2011, 6 morti), di Messina (22 novembre 2011, 3 morti). E sono solo alcune delle molte calamità di cui siamo tutti testimoni. Una lunga scia di evidenze di un piano criminale contro il clima che sembra non volersi arrestare.
Per questo motivo dobbiamo agire ora e fermare ciò che può essere fermato: l’utilizzo di carbone per la produzione di energia elettrica nelle centrali Enel.
Unisciti anche tu all’indagine del R.I.C., il Reparto Investigazioni Climatiche di Greenpeace.
Rivelando a tutti la sporca verità, ci aiuterai a portare Enel al tavolo delle trattative per costringerla a cambiare i suoi piani industriali a favore di fonti di energia rinnovabile e pulita. Salviamo il clima.
Fermiamo Enel.”

ToxNetLab’s Blog riporta questa iniziativa a titolo informativo , il lettore deciderà se questa causa è giusta o no, comunque vale la pena fare un giro sul sito per farsi una idea.

Ad maiora

Autore: Mr Tozzo

Ciao sono ANDREA TOXIRI (aka Mr Tozzo), Street e Portrait Photographer. La fotografia è una passione che coltivo da tempo e che in questi ultimi anni è diventata sempre più dominante. I generi di fotografia che preferisco sono: Street Photography, Portrait, Sport e Foto Reportage, naturalmente alla pratica affianco sempre lo studio per tenermi sempre aggiornato e migliorare il mio stile.

16 pensieri riguardo “Greenpeace vuole fare Luce su Enel”

  1. I just want to tell you that I am very new to blogs and actually enjoyed your website. Very likely I’m going to bookmark your website . You certainly come with really good posts. Thanks for revealing your web site.

    "Mi piace"

  2. But a smiling visitant here to share the love (:, btw outstanding pattern. “Better by far you should forget and smile than that you should remember and be sad.” by Christina Georgina Rossetti.

    "Mi piace"

  3. Hi my loved one! I want to say that this post is awesome,
    nice written and include approximately all important infos.
    I’d like to see more posts like this .

    "Mi piace"

  4. A person essentially help to make seriously articles I might state.
    That iss the very first time I frequented your website page
    and to this point? I surprised with the
    research youu madre to create this particular submit amazing.
    Fantastic process!

    "Mi piace"

  5. Hola! I’ve been following your website for a while now and finally got the courage to go ahead
    and give you a shout out from Austin Texas!
    Just wanted to tell you keep up the good job!

    "Mi piace"

  6. Howdy, There’s no doubt that your site could possibly be having
    internet browser compatibility issues. Whenever I take a look at your blog in Safari,
    it looks fine however, when opening in IE, it’s got some overlapping issues.
    I merely wanted to provide you with a quick heads up!
    Aside from that, fantastic website!

    "Mi piace"

  7. Hey there! Would you mind if I share your blog with my facebook group?
    There’s a lot of people that I think would really enjoy your content.
    Please let me know. Thank you

    "Mi piace"

  8. I don’t even understand how I finished up right here, however I believed this publish used to be good.

    I don’t know who you might be however certainly you’re going to a famous blogger if you aren’t already.
    Cheers!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.