WhatsApp Anonymous, salva la tua privacy

Fonte Foto
Fonte Foto

 

Anche se ultimamente sono usciti molti programmi per chattare (gratis o quasi) tramite smartphone, WhatsApp rimane sempre il programma più utilizzato.  Alcuni rumors dicono che per il 2014 arriveranno anche (finalmente) le telefonate via VoIp, se la cosa fosse confermata allora, WhatsApp, non avrebbe più rivali.

Se da una parte lo smartphone e WhatsApp sono molto utili è anche vero che quando iniziamo ad utilizzare questi strumenti la prima cosa che perdiamo è la nostra privacy. Oggi andiamo a vedere un tool per mantenere l’anonimato su WhatsApp.

WHATSAPP ANONYMOUS

Premetto che questa applicazione è disponibile solamente (almeno per adesso) solamente per dispositivi Android, quindi tutti gli utenti Apple dovranno aspettare per poterla utilizzare. Il download avviene sempre dal Play Store di Google cliccando qui. Esistono due versioni di questa applicazione, la prima costa 0,50€ mentre la seconda è gratuita.

Il limite della versione gratuita è che per collegarsi a WhatsApp bisognerà aspettare 20 secondi, ma visto il costo non esoso e vista l’utilità dell’applicazione consiglio di prendere quella a pagamento.

Questa applicazione vi permetterà di utilizzare in maniera anonima WhatsApp e salvaguardare in questa maniera la vostra privacy. Andiamo a vedere come funziona.

Cliccate sull’icona di WhatsApp Anonymous ed entrerete in modalità anonima (questo significa che la connessione verrà bloccata e quindi nessuno potrà vedere quando realmente vi siete collegati l’ultima volta o quando avete letto l’ultimo messaggio) e a questo potrete leggere e scrivere messaggi in perfetto anonimato.

Una volta terminato uscite dall’applicazione e la connessione verrà immediatamente sbloccata e i messaggi che avete scritto in maniera “anonima” verranno inviati.

CONCLUSIONI

Questa applicazione la trovo molto utile specialmente in questo mondo dove ormai siamo connessi h24 e dove abbiamo sempre meno privay. Purtroppo ancora questa applicazione non è uscita per iOS, in questo caso…. chapeau per Android.

Ad maiora