Il Blog non è stampa clandestina, la Cassazione approva

Sono state pubblicate le motivazione a favore di Carlo Ruta, blogger siciliano, che chiariscono che il Blog non è Stampa e quindi di conseguenza non è stampa clandestina.

La legge è la n. 47 dell’8 febbraio 1948 ed erano 30 anni che non veniva emessa una sentenza per stampa clandestina fino a quando la legge non ha incrociato il blog di Carlo Ruta, condannato in due gradi di giudizio per alcuni interventi diffamatori sul suo blog accadeinsicilia.net. Era il lontano 2004 quando sul blog del siciliano Ruta si è abbattuta la sentenza del Tribunale che equiparava il blog alla stampa cartacea.

Recentemente la Cassazione è intervenuta in favore del blogger siciliano dichiarando che: “i blog non sono un prodotto editoriale e dunque non possono essere considerati stampa clandestina“. Le motivazioni della Cassazione sono che “la registrazione delle testate online è un obbligo amministrativo per i soli editori“.

L’avvocato Guido Scorza, esperto del settore, ha commentato in questa maniera la sentenza: “Il ragionamento seguito dai giudici è di una semplicità disarmante tale da far apparire incomprensibile come siano state necessarie due sentenze di condanna e anni di processo per arrivarvi“. Attualmente il blog di Ruta è ancora bloccato, ma almeno non dovrà pagare la multa di 150 euro.

I giudici hanno spiegato la sentenza in questa maniera: “l’articolo 1 della legge 47/1948 considera “stampe o stampati tutte le riproduzioni tipografiche o comunque ottenute con mezzi meccanici o fisici, in qualsiasi modo destinati alla pubblicazione – Ai fini della sussistenza in senso giuridico del prodotto stampa necessitano due condizioni: un’attività di riproduzione tipografica e la destinazione alla pubblicazione del risultato di tale attività – il giornale telematico non rispecchia le due condizioni ritenute essenziali ai fini della sussistenza del prodotto stampa – a normativa di cui alla legge 7 marzo 2001, n. 62 inerente alla disciplina sull’editoria e sui prodotti editoriali ha introdotto la registrazione dei giornali online soltanto per ragioni amministrative ed esclusivamente ai fini della possibilità di usufruire delle provvidenze economiche previste per l’editoria“.

Quindi per la Cassazione: “Non sussiste, dunque, secondo la Cassazione alcun obbligo di registrazione integrante la fattispecie di stampa clandestina per qualsivoglia giornale telematico se l’editore non ha interesse ad accedere ai contributi all’editoria“.

Questa sentenza storica permette la sopravvivenza di moltissimi blog (compreso ToxNetLab).

Ad maiora

Autore: Mr Tozzo

Ciao sono ANDREA TOXIRI (aka Mr Tozzo), Street e Portrait Photographer. La fotografia è una passione che coltivo da tempo e che in questi ultimi anni è diventata sempre più dominante. I generi di fotografia che preferisco sono: Street Photography, Portrait, Sport e Foto Reportage, naturalmente alla pratica affianco sempre lo studio per tenermi sempre aggiornato e migliorare il mio stile.

3 pensieri riguardo “Il Blog non è stampa clandestina, la Cassazione approva”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.