iTunes e il porno che non ti aspetti

Errore grossolano dei tecnici Apple a pochi giorni dal lancio di iTunes in 56 paesi del mondo, infatti con l’inserimento dei segnaposto temporanei nel codice per la visualizzazione di immagini nella sezione film, le troppe X inserite hanno dirottato gli utenti verso i siti porno.

Il caso è “scoppiato” in Russia, gli utenti che andavano alla ricerca di film si sono visti una serie di immagini di alcuni annunci pornografici per siti di escort e dating online. La spiegazione tecnica fornita da IPhones.ru è la seguente: “inserendo una stringa come xx.xx.xx per lasciare uno spazio in cui inserire successivamente il link per l’immagine.” Questo ha portato verso i siti porno.

Grossa figuraccia e festa rovinata per quelli di Cupertino, sicuramente con Steve Jobs questo non sarebbe mai capitato.

Ad maiora

Il Porno ha sempre successo su internet

Uno studio ha dimostrato che le ricerche più frequenti sui motori di ricerca sono a sfondo pornografico, basta inserire delle keyword mirate per avere giga e giga di materiale.

C’è chi ha pensato ha dare un ordine a tutto questo materiale, dividendo anche per categoria a seconda dei propri gusti sessuali, stiamo parlando di Search.xxx ideato dall’organizzazione di Stuart Lawley con base in Florida per facilitare gli accessi ai vari presidi della pornografia digitale.

Il lancio è stato un vero e proprio successo, il primo giorno il sito ha avuto 100mila visitatori unici in un solo pomeriggio e oltre 500mila query digitate. Stuart Lawley dichiara: “È la stessa sporca pornografia che gli utenti avrebbero con i classici domini .com. Solo in un ambiente più sicuro e controllato”.

Ad maiora