La nuova rete LTE manda in crash la Televisione

Da Gennaio 2013 ci sarà molto lavoro per gli antennisti, infatti sembra che la nuova rete 4G (o meglio conosciuta come LTE) potrebbe creare qualche problema alla televisione.

La previsione è di circa 700mila antenne coinvolte, la causa è la frequenza degli 800 Mhz che è molto vicina a quella dei canali televisivi. La rete 4G verrà accesa, in maniera graduale, da gennaio 2013 e gli impianti “incriminati” sono quelli di Wind, TIM e Vodafone. H3G non è coinvolta visto che non ha questo blocco di frequenze.

I cittadini che non riusciranno più a vedere la tv, una volta che verranno accesi gli impianti 4G, dovranno chiamare un call center che dovrebbe essere gestito dalla Fondazione Ugo Bordoni per conto del Ministero e sarà il call center che attiverà uno degli operatori che provvederà al rispristino della qualità” – spiega Frullone direttore delle ricerche della Fub, Fondazione Ugo Bordoni (questa dichiarazione è stata rilasciata a Radio24).

Ad maiora

Autore: Mr Tozzo

Ciao sono ANDREA TOXIRI (aka Mr Tozzo), Street e Portrait Photographer. La fotografia è una passione che coltivo da tempo e che in questi ultimi anni è diventata sempre più dominante. I generi di fotografia che preferisco sono: Street Photography, Portrait, Sport e Foto Reportage, naturalmente alla pratica affianco sempre lo studio per tenermi sempre aggiornato e migliorare il mio stile.

5 pensieri riguardo “La nuova rete LTE manda in crash la Televisione”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.