Da Blogspot a MSN, tutti i giganti Hi-tech sono stati violati colletivo turco Eboz

Il collettivo hacker EBOZ, in terra pakistana, ha attaccato i più importanti presidi digitali “defaciando” oltre 200 siti web inserendo una foto in cui alcuni pinguini attraversano un ponte di legno.

Le vittime illustri di questo attacco sono state Apple, Google e Microsoft tutti con domini .pk (dominio del Pakistan). L’attacco non ha movente politico, ma solamente per dimostrare la scarsa sicurezza da parte dei colossi hi-tech (in particolare Blogspot e MSN).

Il collettivo hacker ha modificato le impostazioni a livello DNS dei vari siti web, reindirizzandoli verso alcuni server ospitati dalla società di hosting Freehostia.

La testata locale ProPakistani riporta che “un altro gruppo hacker avrebbe illustrato una serie di serie vulnerabilità nelle infrastrutture informatiche del registrar nazionale PKNIC“. Gli hacker di EBOZ hanno sfruttato SQL Injection e cross-site scripting per portare a termine il loro attacco.

Ad maiora

Autore: Mr Tozzo

Ciao sono ANDREA TOXIRI (aka Mr Tozzo), Street e Portrait Photographer. La fotografia è una passione che coltivo da tempo e che in questi ultimi anni è diventata sempre più dominante. I generi di fotografia che preferisco sono: Street Photography, Portrait, Sport e Foto Reportage, naturalmente alla pratica affianco sempre lo studio per tenermi sempre aggiornato e migliorare il mio stile.

2 pensieri riguardo “Da Blogspot a MSN, tutti i giganti Hi-tech sono stati violati colletivo turco Eboz”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.