Come vedere Netflix America anche in Italia

Vuoi vedere Netflix America ? Allora utilizza una VPN

netflix-opinioni

 

Sicuramente ti sei accorto che dal 22 ottobre 2015 finalmente è arrivato Netflix anche in Italia, cosa ne pensi? Ha soddisfatto le tue esigenze? Io ho scritto le mie prime impressioni qui. Se invece non sei rimasto soddisfatto forse ti piacerebbe vedere Netflix America, per vedere anche solo le differenze, ma se vivi in Italia non lo puoi fare.

Il motivo? Netflix America accetta solamente indirizzi IP americani quindi voi, collegandovi dall’Italia, se scrivete http://www.netflix.com verrete automaticamente indirizzati su http://www.netflix.com/it/. Tranquilli perché esiste un metodo per poter accedere ai servizi di Netflix America (o anche a tutti quei servizi che non sono disponibili in Italia).

 

UNA VPN PER VEDERLI TUTTI

Un metodo per vedere Netflix America (o comunque usufruire dei servizi che non sono presenti in Italia) è quello di utilizzare la VPN (Virtual Private Network).

 

“In telecomunicazioni una VPN (virtual private network) è una rete di telecomunicazioni privata, instaurata tra soggetti che utilizzano, come infrastruttura di trasporto, un sistema di trasmissione pubblico e condiviso, come ad esempio la rete Internet. Scopo delle reti VPN è offrire alle aziende, a un costo inferiore, le stesse possibilità delle linee private in affitto ma sfruttando reti condivise pubbliche: si può vedere dunque una VPN come l’estensione, a scala geografica, di una rete locale privata aziendale che colleghi tra loro siti interni all’azienda stessa variamente dislocati su un ampio territorio, sfruttando l’instradamento tramite IP per il trasporto su scala geografica e realizzando di fatto una rete LAN, detta appunto virtuale e privata, logicamente del tutto equivalente a un’infrastruttura fisica di rete (ossia con collegamenti fisici) appositamente dedicata.”

 

Questa è la definizione che trovate se andate a cercare su Wikipedia, quindi grazie ad una VPN la vostra rete locale potrà avere una “estensione” nella rete americana e questo vi permetterà di vedere i servizi americani.

Ormai esistono programmi che permettono a tutti, anche chi non è esperto, di creare delle VPN per gli scopi più disparati. Uno buono è VyprVPN ottimo client VPN e molto facile da utilizzare, una volta lanciato andremo a selezionare il server americano al quale collegarsi.

Una volta collegati possiamo andare sul sito americano di Netflix e creare il nostro account per vedere le serie americane. Naturalmente le VPN possiamo utilizzarle anche al contrario, ovvero se siamo fuori dal nostro Paese e vogliamo usufruire di qualche servizio presente solo in Italia.

 

CONCLUSIONI

Diamo il tempo a Netflix Italia di crescere, però se intanto volete vedere le serie americane potete utilizzare questo metodo. Voi utilizzate altri client VPN? Se si lasciate il vostro contributo nei commenti sotto questo post.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

Come bloccare i cookie dal tuo browser

LA cookie law è partita e tu non sai come bloccare i cookie da browser? Allora leggi questo articolo

Browser-Cookie-How-to-copy

La Cookie Law è ormai in vigore e, come me, hai letto su tutti i siti che questi dannati cookie si possono bloccare anche via browser. Ok ma come si fa ? Continua a leggere questo post e andremo a vedere come farlo per IE, Firefox, Chrome e Safari.

 

BLOCCARE I COOKIE SUI BROWSER

Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare  i cookie, qui di seguito andiamo a vedere come farlo con quelli più usati.

INTERNET EXPLORER

L’operazione è molto semplice il primo passo che devi fare è andare su Impostazioni ==> Opzioni Internet ==> Privacy e poi successivamente andate su Avanzate. Qui selezionate la voce “Sostituisci gestione automatica cookie” e qui decidete se bloccare o no i cookie.

 

FIREFOX

L’operazione è molto semplice il primo passo che devi fare è andare su Impostazioni ==> Privacy ==> Impostazioni Cronologia ==> Utilizza impostazioni personalizzate e poi cliccate sulla voce Accetta i cookie dai siti per rimuovere la spunta e bloccare i cookie.

 

CHROME

L’operazione è molto semplice il primo passo che devi fare è andare su Impostazioni ==> Impostazioni Avanzate ==> Impostazioni Contenuti e qui gestite se bloccare o abilitare i cookie.

SAFARI

L’operazione è molto semplice il primo passo che devi fare è andare su Preferenze==> Privacy  e qui gestite se bloccare o abilitare i cookie.

CONCLUSIONI

Questo è tutto come vedi l’operazione è molto semplice, però se hai delle domande puoi tranquillamente utilizzare i commenti sotto questo post.

Se hai trovato interessante il blog lo puoi votare nella CATEGORIA 27 per il Macchianera Italian Awards cliccando qui.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

ADBlock si o no ?

ADBlock si o ADBlock no ? Cosa ne pensi ?

adblock

ADBlock ne hai mai sentito parlare ? Se sei un blogger o uno yotuber che monetizza sicuramente lo conosci, anzi sicuramente lo odi. Ma cosa fa esattamente questo ADBlock? Prendiamo la  definizione di wikipedia:

 

“AdBlock è un’estensione creata dallo statunitense Michael Gundlach per il blocco della pubblicità e il filtraggio dei contenuti per i browser Opera, Google Chrome e Safari. AdBlock permette agli utenti di impedire che siano visualizzati alcuni elementi della pagina, come le pubblicità online. AdBlock è attualmente l’estensione più popolare per Google Chrome.”

 

Adesso avete capito perché è così odiato?  Questo post nasce dopo aver letto il seguente articolo “Addio alla pubblicità su Facebook e Youtube con AdBlock“. In questo articolo ho trovato una frase interessante: “Penso che l’utente abbia il pieno diritto di difendersi dall’advertising, specie quando questo si dimostra eccessivamente invasivo.

Dopo aver condiviso questo articolo è arrivato subito un commento che andava contro questo sistema di blocco:


https://plus.google.com/114047289500810417031/posts/bCqa67mJZDf

Il commento, come potete leggere, è negativo ma anche il blogger di Casa Procida ha ragione quando scrive: “Se vuoi usare una risorsa gratuita ti becchi la pubblicità, se no vai sulle risorse a pagamento e non le vedrai mai. – Io spesso regalo consigli o esperienze sul web, mi vuoi pagare sorbendoti le pubblicità?

Insomma l’argomento è delicato nel senso che se leggi le due affermazioni saresti tentato a dare ragione ad entrambi, ma allora ripropongo la domanda: ADBlock si o no ?

CONCLUSIONI

Io credo che, come sempre, il giusto sia nel mezzo. Mi spiego meglio, seguitimi, la pubblicità è fastidiosa, noiosa e molte volte è inutile. La pubblicità però è anche interessante, divertente e utile ma quindi che dobbiamo fare con questo ADBlock?  Se usarlo o no dipende da te blogger, infatti se riempi il tuo blog di banner che mi impediscono di leggere allora si uso ADBlock. Se invece ne fai un uso moderato allora non userò ADBlock.

Adesso tocca a te, cosa ne pensi ? ADBlock si o ADBlock no ? Lascia il tuo parere nei commenti il tuo parere sarà sicuramente interessante per creare nuove argomentazioni.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando:Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).