Le 10 migliori telecamere IP

Vuoi migliorare la sicurezza di casa tua o del tuo ufficio? Allora prova una di queste telecamere IP.

 

update 20 gennaio 2020

Internet si è diffusa così tanto che ad oggi ogni cosa è collegabile alla rete (anche il frigorifero), ma oggi parliamo di telecamere IP , andiamo a vedere come funzionano e quali sono le migliori in termini di prestazioni/prezzo. La sicurezza è importante e ad oggi, con una spesa contenuta, possiamo mettere in sicurezza la nostra abitazione.

 

COME FUNZIONANO?

Le telecamere IP si collegano (tramite cavo ethernet o wifi) alla rete e possono trasmettere immagini in streaming o salvarle in una memoria interna.

 

Queste telecamere sono raggiungibili da internet, quindi possiamo vedere quello che succede in casa nostra anche quando siamo dalla parte opposta del mondo.

 

Esistono due tipi di telecamere ip: centralizzate decentralizzate. Quelle centralizzate non hanno una memoria interna dove possono memorizzare l’immagini, ma usano un NVR (Network Video Controller) che è un’apparato che serve a gestire e le telecamere e a memorizzare l’immagini.

 

Le telecamere ip decentralizzate invece possono memorizzare l’immagini su memoria interna oppure su il NAS.

 

Le telecamere IP hanno diversi vantaggi:

 

  1. Facilità d’installazione: infatti si possono installare dove vogliamo l’importante che ci sia un cavo ethernet o che ci sia un collegamento wifi

  2. Scalabilità: ovvero possiamo installare da 1 a n telecamere, il limite che abbiamo è fondamentalmente quello dello spazio dove metterle

  3. Accesso remoto: lavorando su IP possiamo accedere alle nostre telecamere anche se siamo dalla parte opposta del mondo. Basta avere una connessione internet e computer oppure uno smartphone con l’applicazione dedicata

  4. Power over Ethernet: molte telecamere non hanno bisogno del cavo di alimentazione ma ricevano l’alimentazione tramite il cavo ethernet. Questo semplifica ulteriormente l’installazione di questi apparati

  5. Buone risoluzioni: ormai queste telecamere hanno delle buone risoluzioni che permettono di vedere bene l’immagini anche al buio

  6. Programmazione: queste telecamere hanno molte funzioni che possono essere programmate a seconda delle proprie esigenze

 

TELECAMERE IP STATICHE

Sono quelle con inquadratura fissa, consigliate se dovete coprire un’area non troppo vasta,  perché in questo caso visto che sono fisse (e quindi andranno a coprire solo una porzione) dovrete prenderne un numero sufficiente per coprire tutta l’area.

 

TELECAMERE IP ROBOTIZZATE

Queste telecamere si possono muovere e il movimento è controllabile anche da remoto, ideale se volete coprire un’area senza impiegare un grosso numero di device.

 

TELECAMERE IP PAN TILT ZOOM (PTZ)

Queste sono quelle più evolute possono spostarsi in orizzontale, verticale e possono zoomare.

Visto che queste telecamere vengono comprate per la sicurezza del nostro ufficio o della nostra casa una caratteristica molto importante da controllare prima di effettuare un acquisto è la risoluzione per avere immagini nitide nel caso in cui abbiamo necessità di identificare l’intruso.

La risoluzione deve sempre essere combinata con l’ADSL che abbiamo, infatti se telecamere HD (o FULL HD) creano immagini di maggiore qualità rispetto ad una telecamera con risoluzione più bassa è anche vero che le prime generano foto (o sequenze) più pesanti. Quindi abbinare una telecamera FULL HD  con una ADSL scarsa potrebbe essere un collo di bottiglia.

I formati utilizzati da queste telecamere sono: H.264, MPEG4, MJPEG e JPEG. Il migliore (rapporto peso/qualità) è H.264, altre caratteristiche (per rimanere sempre in tema di qualità immagini) sono il frame per secondo e l’ottica. Queste due caratteristiche permettono di ottenere immagini di qualità anche con scarsa luce, più è basso il numero e maggiore è l’apertura (f/2 è maggiore di f/3).

 

MEMORIZZAZIONE DATI

Queste telecamere hanno la possibilità di memorizzare le loro registrazioni, così non dovete vederle per forza in streaming, e hanno due tipologie di memorizzazioni. La memorizzazioni può avvenire o tramite la classica scheda SD o tramite un registratore denominato NVR (Network Video Recorder). L’alternativa è comprare un hard disk di rete dove salvare tutte le registrazioni.

 

LE 10 MIGLIORI TELECAMERE IP

Ok adesso che abbiamo visto quali sono le caratteristiche principali delle telecamere IP andiamo a vedere quali sono le migliori:

 

  1. Victure FHD 1080P (per uso interno)
  2. D-Link DCS-942L (per uso interno)
  3. D-Link DCS-5222L (per uso interno)
  4. Yi Outdoor security camera (per uso esterno)
  5. Foscam FI9853EP (per uso esterno)
  6. Victure FHD 1080P (per uso esterno)
  7. Yi Dome Camera 1080p (per uso interno)
  8. Foscam FI9900P (per uso esterno)
  9. Netgear ABC1000-100EUS (per uso interno)
  10. Foscam FI9928P (per uso esterno)

 

CONCLUSIONI

Hai qualche dubbio o vuoi segnalare una telecamera che hai provato? Allora sfrutta i commenti sotto questo post, il tuo contributo sarà sicuramente utile.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network. Oppure il mio profilo Instagram: mrtozzo81.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando:Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).

Come monitorare il telefono dei figli

Hai appena regalato a tuo figlio adolescente il suo primo smartphone e vuoi stare tranquillo? Allora prova TeenSafe, leggi come fare.

family-557100_1280

Prima di iniziare questo articolo vorrei premettere che spiare il telefono di una persona non è legale , in questo caso però stiamo parlando dei telefoni dei nostri figli. Certo questa azione può risultare infida come azione ma ognuno gestisce la sicurezza dei propri come meglio crede, inoltre se siete i genitori (o i legali tutori) l’azione di monitorare le attività dei figli è legale. Questo però non significa che ne potete abusare, questo servizio è da usare con la TESTA.

La tecnologia ha migliorato la vita di tutti noi ma allo stesso tempo ha creato dei problemi, inoltre oggi i bambini hanno accesso ad internet e smartphone sempre prima del previsto e questo, secondo me, è sbagliato. E’ sbagliato se vengono lasciati da soli su internet è sbagliato che bambini di 10 anni hanno smartphone con i quali possono fare qualsiasi cosa, anche perché in questo caso non siamo più in grado di controllarli.

Girando su internet ho trovato un servizio interessante che serve per controllare lo smartphone (iOS o Android) dei figli (mi raccomando solo dei figli). Il servizio si chiama TeenSafe e oltre a monitorare i messaggi (inviati e ricevuti) riesce a monitorare anche le attività su Facebook e Instagram. Altra funzione interessante è quella di poter leggere anche i messaggi che sono stati cancellati.

L’applicazione di TeenSafe funziona sia su iOS che su Android, nel caso di Iphone non abbiamo bisogno di nessun tipo di configurazione o jailbreak, quello che serve è solamente l’Apple ID e la password. Se invece usate Android una volta installata l’applicazione dovrete solamente inserire dell’informazioni di base e il servizio inizierà a funzionare. Una volta che avete configurato il telefono vi basterà registrarvi sul sito e tutto inizierà a funzionare.

Quali sono le attività che potete monitorare? Eccole qui elencate:

  • Messaggi Inviati/Ricevuti
  • WhatsApp
  • Registro Chiamate
  • Facebook
  • Instagram
  • Cronologia navigazione


Inoltre il programma è in grado anche di sfruttare il GPS del telefono per vedere esattamente la posizione su una mappa. Naturalmente tutte queste attività di monitoraggio non saranno percepite da vostro figlio, visto che non apparirà niente sul suo telefono.

CONCLUSIONI

Se hai un figlio adolescente alle prese per la prima volta con uno smartphone, e tu vuoi stare tranquillo, questo potrebbe essere un ottimo servizio. Quello che vi voglio ricordare è DI USARLO CON LA TESTA !! 

IL SOTTOSCRITTO NON SI ASSUME NESSUNA RESPONSABILITA’ PER L’USO SCORRETTO DEL SERVIZIO APPENA DESCRITTO!! 

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).

Violazione informatica: aggiorno WhatsApp e mi bucano l’account Gmail

Fonte Foto
Fonte Foto

Quello di cui andiamo a parlare oggi è successo (purtroppo) veramente, premetto sono a favore dell’e-commerce e uso la Carta di Credito da quando avevo 18 anni per acquisti online e offline senza avere mai problemi. Altra premessa non uso Google Play perché non mi piace Android e sono un fan di Apple. Ora dopo queste due premesse può iniziare la storia.

Il tutto inizia qualche mesa fa quando ho rinnovato il “mini-abbonamento” di WhatsApp (non per me) utilizzando Google Play (lo store di Google), perché il device utilizzato è un Samsung con Android. L’operazione di rinnovo abbonamento è andato tutto a buon fine con pagamento tramite Carta di Credito . Due sere fa mi arriva sul mio telefono un sms della carta di credito con scritto:

 

“op.internet 34,18 € GOOGLE *GungHo GOOGLE.-COM/CH – 14Mag14 ore 19:43”

 

Subito dopo arriva un secondo sms:

 

“op.internet 34,18 € GOOGLE *GungHo GOOGLE.-COM/CH – 14Mag14 ore 19:44”


Questi due messaggi anomali mi hanno subito allertato, anche perché non avevo fatto nessun acquisto,  vado subito su Google per capire cosa sia questo GOOGLE*GungHo. Il primo risultato che mi esce è lo store di Google (Google Play appunto) con scritto GungHoOnlineEntertainment. A questo punto il livello di allerta è aumentato perché avevo intuito (e poi l’intuizione è stata confermata) quello che era successo.

Accedo al Google Play tramite l’account utilizzato per aggiornare WhatsApp e vado subito a vedere la sezione “I miei ordini” e qui l’amara sorpresa, 9 transazioni non autorizzate (di cui solamente 2 sono andate a buon fine), tra queste 9 trovo le uniche due che sono andate a buon fine ovvero le due di cui ho ricevuto i due sms.

 

appnonautorizzate

 

A questo punto chiamo subito la banca per bloccare la carta e mi attivo per l’operazione di denuncia e recupero soldi. Dopo aver messo a sicuro i miei soldi mi sono messo a girare su Google per cercare di capire meglio quello che era successo e sono capitato su questa discussione nel  forum Google Apps: Pagamenti non Autorizzati.

In questo forum a molte persone è successa la stessa cosa Pagamenti non Autorizzati per delle applicazioni di giochi, un paio di persone hanno avuto lo stesso mio iter: Abbonamento WhatsApp rinnovato e poi account violato con relativo acquisto di applicazioni. Naturalmente le due operazioni (rinnovo WhatsApp e poi Acquisti non autorizzati) non sono correlate (almeno credo) però nel forum ho trovato due persone ed io sono il terzo.

 

COME CI DIFENDIAMO DALLE VIOLAZIONI INFORMATICHE?

Voglio precisare che questo non è un caso di clonazione della carta, ma di violazione dell’account Gmail utilizzato per il Google Play dove erano salvati i dati della Carta di Credito. Come ci possiamo difendere dalle violazioni informatiche ed evitare brutte sorprese? Non è una domanda facile a cui rispondere o meglio non è facile rispondere in breve.

Vediamo alcuni consigli (che possono essere banali, ma non lo sono così tanto) per evitare problemi:

 

  • Aggiorna la password: aggiorna la password almeno ogni 3/4 mesi e cerca di usare delle password “complicate” utilizzando caratteri alfanumerici. Devono essere lunghe almeno 6 caratteri e non devono essere banali (evitate nomi di figli, mogli e affini)
  • Non accettare link da sconosciuti: aprite solamente link “affidabili” di persone “affidabili”, evitate di aprire link strani sui Social Network (in particolare Facebook). Anche le persone affidabili potrebbero essere portatrici “sani” di virus e quindi come facciamo? Andate a leggere questo articolo qui dove ci sono alcuni tool interessanti
  • Niente email da Poste e Banca: molte volte ricevo email dalle Poste Italiane che mi dicono che il mio conto online è a rischio violazione e che quindi devo cliccare su questo link per aggiornare i miei dati. Primo non ho il conto alla Posta, secondo non credo che le Poste passino per server in Romania o Polonia, ma cosa più importante le Poste e la Banca non ti chiede l’aggiornamento dati tramite link inviati per email
  • Sistemi Operativi, Browser e Antivirus: quando navighi sul web, e sopratutto quando operi sul web, ti devi attrezzare con gli strumenti migliori. Ora non voglio fare pubblicità ma scegli sempre il miglior Sistema Operativo, il miglio Browser e un ottimo Antivirus (specialmente se devi scendere a compromessi con il Sistema Operativo e il Browser)
  • Siti Web affidabili: cerca di navigare sempre in siti affidabili, specialmente se devi lasciare i dati della Carta di Credito. Se puoi cerca di non lasciare memorizzati questi dati, ma se proprio devi lasciarli memorizzati usa un sito affidabile e aggiorna spesso la password
  • Notifica via SMS: questo è un servizio che molte Banche offrono, attivalo !!!
  • Carte Ricaricabili: se proprio non ti fidi ad utilizzare la Carta di Credito per acquistare online puoi utilizzare le Carte Ricaricabili (sia per il conto in Banche che per le Poste) in questa maniera il rischio di riduce. Devi spendere 100€ online ? Ricarichi 100€ e male che va perdi solamente quelli


Questi sono solamente alcuni dei consigli che nascono dalla mia esperienza personale, tu cosa ne pensi? Hai altri consigli?

CONCLUSIONI

Ora non lo so se il Rinnovo di WhatsApp e la Violazione dell’Account sono collegati, oltre a me ho trovato solamente altri due casi. Anche tu hai avuto la mia stessa esperienza? Anche a te è successo dopo aver aggiornato WhatsApp ? Vi lascio con il trailer di DISCONNECT  un film che vi consiglio di vedere.

 

 

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi 😀 ).

Ad Maiora