Le mappe di Apple uccidono

La polizia di Mildura (Australia) ha rilasciato un comunicato stampa dove dichiara: ” Di prestare grande attenzione alle indicazioni fornite dai propri iPhone aggiornati alla release iOS 6. Le persone rischierebbero seriamente di morire di stenti nel deserto di Mildura, Australia“.

Ad oggi, la polizia, ha salvato sei motociclisti che si erano persi nel deserto australiano ( con temperature vicine ai 50 gradi) da più di 24 ore. L’errore, secondo alcuni test, delle nuove mappe di Cupertino sarebbe quello di posizionare Mildura al centro del Murray Sunset National Park, a circa 70 chilometri dalla sua effettiva posizione.questo errore ha portato molti motociclisti a ritrovarsi in pieno deserto (senza benzina o con la moto fuori uso).

La polizia australiana ha contattato Cupertino per segnalre il problema, ma ancora non ha ricevuto nessuna risposta ufficiale. In tanto Google ha aggiornato le sue mappe, che attualmente risultano essere più affidabili, l’aggiornamento è avvenuto anche per 10 paesi europei.

Ad maiora

Autore: Mr Tozzo

Ciao sono ANDREA TOXIRI (aka Mr Tozzo), Street e Portrait Photographer. La fotografia è una passione che coltivo da tempo e che in questi ultimi anni è diventata sempre più dominante. I generi di fotografia che preferisco sono: Street Photography, Portrait, Sport e Foto Reportage, naturalmente alla pratica affianco sempre lo studio per tenermi sempre aggiornato e migliorare il mio stile.

3 pensieri riguardo “Le mappe di Apple uccidono”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.