Jailbreak iOS 7, una storia torbida di Hacker

20130220-132956.jpg

La notizia ha rimbalzato per tutto il web, è uscito il Jailbreak per iOS7. Tutti gli smanettoni saranno andati di corsa a scaricarlo, ma cosa si nasconde dietro questo rilascio?

Il nome in codice di questo jailbreak è evasi0n7, il nome è in linea con i suoi predecessori, ma dietro a questo rilascio si nasconde una storia torbida, una storia torbida di hacker.

Il team che ha sviluppato questo jailbreak si chiama evad3rs e sembra che il lavoro sia stato commissionato da cinesi con un compenso a sei cifre !! Se sblocchi il tuo I-Phone con il tool di evad3rs ti trovi di default uno store di applicazioni piratate (questo per quanto riguarda i dispositivi cinesi).

LA COMMUNITY NON HA GRADITO

La community del jailbreak non ha gradito molto che dietro l’ultimo rilascio ci siano i cinesi, specilamente da un punto di vista di sicurezza. L’altra novità che non è piaciuta alla community è stata quella dell’installazione di default dello store di applicazioni piratate.

HD Blog ha svolto una attenta analisi ed ha scoperto che “TaiG è un progetto nato da KuaiYong, capitanato a sua volta da Qihoo 360: il primo è uno store cinese di app piratate, il secondo è una popolare azienda cinese specializzata in sicurezza informatica, addirittura quotata in borsa e con centinaia di milioni di utenti nel paese“.

Il team degli evad3rs ha diffuso subito un comunicato in merito a questa vicenda, in questo comunicato confermano la partnership con TaiG ma negano qualsiasi problema di sicurezza e di essere a conoscenza delle applicazioni piratate.

CONCLUSIONI

Come finirà questa storia non lo sappiamo, ma una domanda mi viene da farla: Perchè prima compriamo uno smartphone da oltre 700€ e poi ci montiamo sopra un programma per craccarlo?

Per avere le applicazioni gratis? Come prima spendi oltre 700€ per un telefono e poi non vuoi spendere 0,89€ per una applicazione (è come dire che mi compro la Ferrari e poi ci metto il Gas)?!? Ma sopratutto, considerando che con uno smartphone ormai ci fai di tutto (anche le transazioni bancarie), sei disposto a mettere in gioco la tua sicurezza per avere un telefono “sbloccato” ?

Ad maiora

Il jailbreak per iOS è arrivato, si chiama evasi0n

Ne avevamo parlato qualche giorno fa, dicendo di tenersi pronti per l’arrivo del jailbreak per il nuovo iOS. Oggi possiamo annunciare la sua nascita, evasi0n, il jailbreak per tutti gli iOS.

Evasi0n è compatibile sia con Iphone5 che con l’Ipad mini ed è applicabile con paio click. I creatori di questo nuovo tool dicono: “Il jailbreak di un dispositivo necessità dell’uso di un tool software da installare su computer (Windows, Linux, Mac), il collegamento tra i due tramite cavo USB e cinque minuti di tempo“.

Ecco il video dove viene spiegato come applicare il jailbreak ai vostri dispositivi in pochi passi:

Il jailbreak sfrutta una falla per garantirsi privilegi di accesso completo al file system per forzare il dispositivo a funzionare senza le restrizioni normalmente imposte da Apple. Una delle caratteristiche di questo jailbreak è quello di poter utilizzare il dispositivo “untethered“, questo permette di continuare a usare il dispositivo sbloccato anche dopo un riavvio e senza la necessità di dover ogni volta connetterlo al PC.

Attualmente, evasi0n, ha già sbloccato più di 270mila dispositivi.

Ad maiora

E’ online il sito per il Jailbreak di iOS 6.1

Gli smanettoni Apple lo attendevano da tempo e finalmente gli hacker hanno messo online il sito per effettuare il jailbreak del nuovo sistema operativo (iOS 6.1) dei dispositivi Apple. Il sito è http://www.evasi0n.com/

Attualmente il team è ancora a lavoro sull’interfaccia del dispositivo per l’installazione da parte dell’utente, subito dopo sarà effettuato un beta test. Questo significa che il rilascio sarà imminente. I requisiti minimi per eseguire il jailbreak sono i seguenti:

1) 5 minuti del vostro tempo

2) Un computer dotato di Windows (minimo XP), Mac OS X (10.5 minimo) o Linux (x86 /x86_64)

3) Un iPhone, iPad o iPod touch con iOS 6.0, 6.0.1, 6.0.2 o 6.1

4) Un cavo USB per collegare il dispositivo al computer

Il sito è autentico ed è stato confermato dal tweet dello stesso team evad3rs:

The official evasi0n 6.1 jailbreak: evasi0n.com — Check regularly for updates!#evasi0n

— evad3rs (@evad3rs) 31 gennaio 2013

Questo post è solo a titolo informativo, ToxNetLab non sia assume nessuna responsabilità su eventuali danni dei dispositivi e inoltre ricorda a tutti i suoi lettori che il jailbreak non è una pratica legale e non è tollerata da Apple.

Ad maiora