Israele entra in guerra e lo comunica via Twitter

Twitter, Twitter e solo Twitter !!! Negli ultimi mesi è sempre più protagonista del Giornalismo 2.0 e anche questa volta non si è smentito.

Israele ha dichiarato guerra e ha comunicato l’inizio delle operazione militari su Gaza tramite Twitter, infatti l’ha annunciato tramite un tweet: “Le forze di difesa israeliane hanno iniziato una operazione sui siti terroristici e operativi nella striscia di Gaza, guidati, tra gli altri, da Hamas e da Islamic Jihad” – 140 caratteri per una dichiarazione di guerra.

L’account Twitter delle Forze di Difesa Israeliane è diventato un vero e proprio bollettino di guerra dove vengono illustare le ragioni e le modalità del conflitto oltre a fornire tutti gli aggiornamenti. Altro tweet: “Tutte le opzioni sono sul tavolo. Se necessario, l’esercito israeliano è pronto ad avviare un’operazione di terra su Gaza“.

Uno dei tweet più “pesanti” è quello dove viene annunciato l’assassinio di Ahmed Jabari, capo dell’ala armata di Hamas, subito dopo è apparso il video dell’uccisione corredato da un messaggio dove viene rivendicato l’omicidio dai militari israeliani.

Questa è la prima volta che un paese coinvolto in azioni belliche decide di documentare live, tramite Social Media, le proprie azioni.

Ad maiora

Pubblicato da Mr Tozzo

Ciao sono ANDREA TOXIRI (aka Mr Tozzo), Street e Portrait Photographer. La fotografia è una passione che coltivo da tempo e che in questi ultimi anni è diventata sempre più dominante. I generi di fotografia che preferisco sono: Street Photography, Portrait, Sport e Foto Reportage, naturalmente alla pratica affianco sempre lo studio per tenermi sempre aggiornato e migliorare il mio stile.

2 pensieri riguardo “Israele entra in guerra e lo comunica via Twitter

  1. Nel recente passato l’operazione “piombo fuso”, conclusasi con pesanti distruzioni a Gaza, ha permesso a pelosi ed interessati filantropi arabi di fornire 1 – 1,5 miliardi di dollari per la ricostruzione. Il credito politico lo vinsero in toto i monarchi del Golfo, mentre gli israeliani guadagnarono spese militari da pagare, disprezzo internazionale, turbolenze interne e qualche inutile colonia in più nel West Bank. Come diceva quel famosissimo monarca tanti secoli or sono? Un’altra di queste vittorie e sono rovinato….

    Anziché cercare altri dannosissimi pareggi armati, farebbero meglio a cercare di vincere la pace. Costa meno. Ma sono fantasie: chi li guida campa gestendo spesa militare, inutile discutere. E allora che parlino razzi ed aerei, e che taccia la ragione.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: