Violati i servizi di intelligence di Svizzera, Stati Uniti e Regno Unito

Sembra che un tecnico informatico, che lavorava presso i servizi segreti federali svizzeri, abbia trafugato dati riguardanti i servizi di intelligence di Svizzera, Stati Uniti e Regno Unito.

L’informazioni sono da classificare come sensibili visto che riguardano la lotta al terrorismo internazionale. In particolare sono informazioni che riguardano le tecniche per contrastare il terrorismo condivise anche da altri paesi. Il colpevole, secondo fonti svizzere, è stato arrestato.

L’intenzione era quella di vendere l’informazioni ad aziende private o a enti pubblici. L’impiegato viene descritto come un tecnico molto esperto che aveva accesso ai dati riservati.

Ad maiora

Israele entra in guerra e lo comunica via Twitter

Twitter, Twitter e solo Twitter !!! Negli ultimi mesi è sempre più protagonista del Giornalismo 2.0 e anche questa volta non si è smentito.

Israele ha dichiarato guerra e ha comunicato l’inizio delle operazione militari su Gaza tramite Twitter, infatti l’ha annunciato tramite un tweet: “Le forze di difesa israeliane hanno iniziato una operazione sui siti terroristici e operativi nella striscia di Gaza, guidati, tra gli altri, da Hamas e da Islamic Jihad” – 140 caratteri per una dichiarazione di guerra.

L’account Twitter delle Forze di Difesa Israeliane è diventato un vero e proprio bollettino di guerra dove vengono illustare le ragioni e le modalità del conflitto oltre a fornire tutti gli aggiornamenti. Altro tweet: “Tutte le opzioni sono sul tavolo. Se necessario, l’esercito israeliano è pronto ad avviare un’operazione di terra su Gaza“.

Uno dei tweet più “pesanti” è quello dove viene annunciato l’assassinio di Ahmed Jabari, capo dell’ala armata di Hamas, subito dopo è apparso il video dell’uccisione corredato da un messaggio dove viene rivendicato l’omicidio dai militari israeliani.

Questa è la prima volta che un paese coinvolto in azioni belliche decide di documentare live, tramite Social Media, le proprie azioni.

Ad maiora