I mercati finanziari sono andati in tilt, la colpa è di un tweet del 1973

I broker non conoscono Twitter (e la storia), panico nei mercati finanziari

Fonte Foto: http://i.telegraph.co.uk
Fonte Foto: http://i.telegraph.co.uk

Il tutto è nato da un caso di malainformazione, che però a causato il panico nei mercati finanziari. La colpa? Un tweet del 1973 o meglio la malainformazione di alcuni broker che hanno diffuso il panico.

LA STORIA

Era il 10 ottobre del 1973 quando gli aeroporti siriani venivano bombardati dall’Aeronautica israeliana per impedire ai siriani di ottenere le armi russe. Oggi, il portavoce israeliano dell’esercito, per commemorare l’evento ha inviato un tweet a  @IDFSpokeperson.

Il tweet non è stato letto bene da alcuni broker e in pochi minuti si è generato il panico. Un panico che ha coinvolto le borse asiatiche ed europee.

Il portavoce israeliano ha commentato in questa maniera la vicenda:

Ovviamente questo comunicato fa parte della nostra serie di tweet storici dedicati alle celebrazioni per l’anniversario della guerra del Kippur del 1973. I fatti sono lì, semplici da leggere. Era tutto evidente dallo stesso tweet.

Portavoce militare, Peter Lerner.

CONCLUSIONE

La vicenda dimostra ancora una volta  quanto siano suscettibili i mercati finanziari e quanti danni possono fare ignoranza e superficialità.

Ad Maiora

Fonte: FanPage.it

Israele entra in guerra e lo comunica via Twitter

Twitter, Twitter e solo Twitter !!! Negli ultimi mesi è sempre più protagonista del Giornalismo 2.0 e anche questa volta non si è smentito.

Israele ha dichiarato guerra e ha comunicato l’inizio delle operazione militari su Gaza tramite Twitter, infatti l’ha annunciato tramite un tweet: “Le forze di difesa israeliane hanno iniziato una operazione sui siti terroristici e operativi nella striscia di Gaza, guidati, tra gli altri, da Hamas e da Islamic Jihad” – 140 caratteri per una dichiarazione di guerra.

L’account Twitter delle Forze di Difesa Israeliane è diventato un vero e proprio bollettino di guerra dove vengono illustare le ragioni e le modalità del conflitto oltre a fornire tutti gli aggiornamenti. Altro tweet: “Tutte le opzioni sono sul tavolo. Se necessario, l’esercito israeliano è pronto ad avviare un’operazione di terra su Gaza“.

Uno dei tweet più “pesanti” è quello dove viene annunciato l’assassinio di Ahmed Jabari, capo dell’ala armata di Hamas, subito dopo è apparso il video dell’uccisione corredato da un messaggio dove viene rivendicato l’omicidio dai militari israeliani.

Questa è la prima volta che un paese coinvolto in azioni belliche decide di documentare live, tramite Social Media, le proprie azioni.

Ad maiora