Barack Obama è il nuovo Presidente degli Stati Uniti anche grazie al WEB

Ieri sera (ora italiana) Barack Obama è stato eletto come 45esimo Presidente degli Stati Uniti, grazie anche al web e ai Social Network in particolare a Twitter.

Infatti si può dire che la campagna elettorale di Obama sia stata più incesiva su Twitter, dove il Presidente ha mantenuto costantemente aggiornato il proprio stato per quanto riguarda l’andamento della campagna. Grazie ai Social Network Obama è riuscito a convincere anche gli indecisi e a raccogliere la maggioranza dei voti.

Su Twitter spopola la foto di Obama, che abbraccia la moglie, con la scritta “Four more years” dopo aver ricevuto la notizia di aver vinto. Questo tweet con la foto è il più ritwittato di sempre.

Twitter ha annunciato di aver raggiunto la cifra record di 31 milioni di cinguettii riferito all’evento elettorale americano. Anche in questo caso, come già successo in passato, il web e i Social Network la fanno da padroni…capiterà mai in Italia? Chi vivrà vedrà, per adesso complimenti a Barack Obama e buon lavoro per i prossimi 4 anni.

“Four more years”

Ad maiora

Ancora record su Twitter per la famiglia Obama

Ieri Michelle, oggi Barack la famiglia Obama riscuote molto successo su Twitter. Ieri c’è sta la chiusura della Convention Democratica dove è stato ufficializzato Barack Obama come candidato per ricandidarsi alla Casa Bianca.

Durante il suo discorso di chiusura c’è stata (come già era avvenuto per la moglie Michelle il giorno prima) una esplosione di tweet, tanto che ha stabilito un record tra gli eventi politici. E’ stato registrato un picco di 52.756 tweet al minuto, battendo in questa maniera anche la moglie che invece era arrivata a 29mila tweet al minuto.

Ecco alcune frasi che hanno generato la mole di traffico su Twitter: ” Non sono più solo il candidato alla presidenza, sono il Presidente” ha ottenuto 43.646 tpm (tweet per minuto), “Noi non crediamo che il governo possa risolvere tutti i problemi, ma allo stesso tempo non pensiamo che sia la causa di tutti i problemi” ha ottenuto 37.694 tpm.

Nel discorso non è mancato neanche una dedica a Steve Jobs (Obama è un noto fan Apple): “Siamo convinti che una bambina a cui viene offerta una via di fuga dalla povertà grazie a un bravo insegnante o a una borsa di studio per il college possa diventare il prossimo Steve Jobs“.

Questa frase ha creato un piccolo “incidente diplomatico” con Google, infatti sembra che la frase originale fosse la seguente: “Siamo convinti che una bambina a cui viene offerta una via di fuga dalla povertà grazie a un bravo insegnante o a una borsa di studio per il college possa diventare un giorno il fondatore del prossimo Google“. Ma all’ultimo Obama ha deciso di cambiarla in favore di Steve Jobs.

Ad maiora

Michelle Obama la regina di Twitter

Ieri sera (negli Stati Uniti) la first Lady Michelle Obama ha tenuto il proprio discorso, alla Convention Democratica, per aiutare il marito nella campagna elettorale per la Presidenza degli Stati Uniti.

La First Lady ha riscosso un grande successo alla Convention e ha infiammato internet in particolare Twitter, infatti durante il suo discorso ci sono stati 28mila tweet al minuto…un record storico, se l’elezioni dipendessero da questo record sicuramente Barack Obama sarebbe rieletto Presidente degli Stati Uniti.

Il record è riportato sul blog di Twitter ed è consultabile qui. Il discorso di Michelle Obama ha infiammato la platea e Twitter, ma in particolare la parte del discorso che ha fatto toccare il picco storico è stato quando la First Lady ha parlato delle sue figlie e di tutti i figli degli Stati Uniti. Michelle Obama 28mila tweet al minuto contro i 14289 twett al minuto di Romney (avversario del marito).

Ogni frase di Michelle Obama ha generato una mole incredibile di tweet, ma in particolare quando ha detto: “ We’ve got so much more to do” c’è stata una esplosione di tweet (22mila al minuto).

Ad maiora