Voyager: porta il tuo smartphone anche in mare

Vuoi portare il tuo smartphone al mare? Allora prova la custodia Voyager della Cellular Line

Instagram video

L’estate è arrivata (e il caldo esagerato  ce lo conferma tutti i giorni) e quindi molti di voi saranno andati anche già al mare. Il vostro smartphone viene con voi? Certo che viene con voi, ma come sapete bene sabbia e acqua non sono proprio gli amici ideali del vostro smartphone.

Io questa estate ho provato Voyager della CellularLine e devo dire che il risultato è stato più che positivo, il test l’ho eseguito sia al mare che in piscina. Ok prima di andare in spiaggia mettetevi comodi e leggete la mia recensione.

 

VOYAGER PRO E CONTRO

Partiamo dal prezzo che è veramente conveniente, infatti io l’ho pagato 15€. Leggendo un prezzo così basso uno può pensare che il prodotto non sia il top, ed è la stessa cosa che ho pensato anche io mentre lo stavo comprando, ma poi mi sono ricreduto. Rapporto Prezzo/Prestazioni: OTTIMO !!

Il Voyager è compatibile con la maggior parte degli smartphone ma prima di comprarlo controllate se il vostro entra bene. Il test è facile, appoggiate il vostro smartphone sulla scatola e se entra nella parte tratteggiata allora non ci sono problemi.

A questo punto se il vostro smartphone è compatibile allora possiamo iniziare ad usarlo, quindi inseritelo nella custodia e chiudetela ermeticamente tramite l’apposita chiusura.

 

voyager chiusura

 

Ora che avete inserito (e chiuso bene) il vostro smartphone nella custodia potete iniziare ad utilizzarlo, i test che ho eseguito sono stati due:

 

  • Foto al mare
  • Video sotto l’acqua in piscina

 

Il Voyager è testato fino a 20 metri di profondità, quindi se avete esigenze più “spinte” questo prodotto non è per voi. Qui di seguito potete vedere alcune foto che ho fatto e il video.

 

 

 

Per fare la foto ho dovuto appoggiare il telefono a pelo sull’acqua e dopo la foto il telefono si è presa anche l’onda in faccia ;D . Come contro ho trovato un piccolo difetto che però non si presenta sempre, ovvero quando si immerge nell’acqua la pressione spinge la custodia contro lo schermo dello smartphone, questo diventa un problema quando sei in modalità fotocamera perché inizia a scattare foto a raffica. Però ripeto non si presenta sempre questo problema.

 

CONCLUSIONI

Personalmente il voto per questo oggetto è 8 fa quello che dice e soprattutto ti salva il telefono da sabbia, acqua e creme solari.

Se hai trovato interessante il blog lo puoi votare nella CATEGORIA 27 per il Macchianera Italian Awards cliccando qui.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi  😀 ).

5 trucchi per non perdere tempo con lo smartphone

5 trucchi per riuscire a smettere con lo smartphone

iphone-6-458150_1280

Le persone sono sempre più dipendenti dai cellulari (o se parliamo di quelli di ultima generazione smartphone) tanto da isolarsi sempre di più rimanendo piegati con la testa per leggere l’ultimo messaggio, notifica di Facebook o retweet. Molte persone utilizzano lo smartphone per lavoro, ma alcune volte è veramente il caso di prendere una pausa lontano dallo smartphone.

 

1. DISABILITA LE NOTIFICHE

Molte persone sono affette da una sindrome che è stata chiama FOMO (Fear of missing out) ovvero la paura di essere tagliati fuori. Questo porta a controllare più e più volte le notifiche dello smartphone, ecco il primo passo per recuperare il nostro tempo (senza distrazioni) è quello di disattivare tutte le notifiche (in particolare dei Social).

Oltre a migliorare le prestazioni della batteria del vostro smartphone riuscirete a vivere una giornata più tranquilla senza il solito sottofondo di bip bip delle notifiche.

 

2. CONTROLLARE L’UTILIZZO DELLO SMARTPHONE

Alcune volte serve una terapia d’urto e controllare quanto tempo passiamo (sprechiamo) piegati sul nostro smartphone potrebbe indurci a ridurre il suo utilizzo. Esiste una applicazione (l’ho trovata solo per piattaforma iOS) che si chiama Moment che tiene il tempo speso sul nostro smartphone.

 

3. FREE-TIME

Alcune persone, quelle più patologiche, potrebbero avere dei problemi a separarsi dal proprio telefono quindi è meglio iniziare a piccoli passi. Prendetevi piccoli momenti (ripetuti più volte al giorno), magari di 30 minuti, senza il vostro smartphone. Successivamente diminuite le ripetute e aumentate il tempo.

 

4. NON USARLO COME SVEGLIA

Non utilizzare il tuo smartphone come sveglia, perché ? Perché altrimenti dovrai farlo entrare nella tua camera da letto con il seguente risultato:

 

  • Una volta impostata la sveglia controllerai ancora una volta lo smartphone prima di andare a dormire
  • Una volta spenta la sveglia controllare il tuo smartphone sarà la prima cosa che farai, anche prima della colazione

 

5. PAUSA TECNOLOGIA

La tecnologia è una grande cosa ma non è tutto nella vita, prenditi una pausa !! Guarda un tramonto senza condividerlo su Instagram, cerca di fare una attività senza pubblicarla su Facebook, evita di controllare l’email ogni due minuti e cerca di non parlare solo tramite WhatsApp. Altrimenti il risultato sarà questo:

 

dipendenza-internet

 

Se riusciamo a seguire questi piccoli consigli forse non ci serviranno i Semafori a Led come hanno fatto in Olanda per “salvare la vita” a chi ha lo sguardo sempre sullo smartphone.

 

 

CONCLUSIONI

La vostra dipendenza da smartphone ha che livelli si trova? Quanti punti riuscite a rispettare ? Su su lasciate la vostra esperienza nei commenti.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando:Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).

Questo articolo è stato liberamente ispirato da Mashable

Tre applicazioni che non possono mancare nel tuo smartphone per editare i video

Ti piace fare i video con il tuo smartphone e modificarli? Allora non ti puoi perdere queste tre applicazioni

applicazioni

L’altra settimana abbiamo parlato delle “Tre applicazioni per editare le foto con lo smartphone“, oggi, se ami produrre video con il tuo smartphone e condividerle sui Social, andiamo a vedere tre applicazioni che proprio non possono mancare per creare un video “perfetto”. Naturalmente, se per le foto non è obbligatorio, per i video abbiamo bisogno di lavorare in post-produzione e per farlo ci servono le applicazioni giuste, io ho provato queste tre.

 

CUTE CUT

Piattaforma: iOS, Android

Costo: 5,99 € per iOS, GRATIS per Android

Questa applicazione è molto più di una semplice applicazione di editing, infatti può essere considerato un vero “studio di post-produzione” vero e proprio. Una volta caricato il video con l’applicazione potete inserire musiche, testi, effetti di ogni tipo. Insomma è ottima per creare dei videoclip accattivanti da caricare subito su Youtube.

 

VIZZYWIG

Piattaforma: iOS

Costo: 29,99 €

Questa applicazione può essere considerata l’iMovie da smartphone, ti permette di effettuare editing mentre stai filmando e aggiungere la musica, titoli di coda e molti altri effetti che renderanno i tuoi video eccezionali. Il costo è alto, ma se ne fai un uso semi-professionale ne vale la pena.

 

CAPTURE

Piattaforma: iOS

Costo: GRATIS

Capture ti permetterà di creare meravigliosi video da condividere subito con i tuoi amici sui tuoi Social. Registra, modifica e condividi i tuoi video senza preoccuparti della dimensione del file che stai creando.

 

CONCLUSIONI

Tu conosci altre applicazioni per editare i tuoi video prima di pubblicarle sui Social? Allora lascia il tuo contributo nei commenti sotto questo post, potrà essere utile anche ad altri.

Se ancora non sei diventato fan su Facebook di Toxnetlab’s Blog puoi farlo cliccando: Toxnetlab’s Blog Facebook.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi :D ).