HOTMAIL va in pensione, arriva Outlook.com la nuova email di Microsoft

E’ arrivato il tempo delle pensione per HOTMAIL, infatti Microsoft ha deciso di chiudere questo progetto per partire con Outlook.com la nuova email targata Microsoft.

I 360milioni di account hotmail verranno convertiti con il nuovo dominio entro l’estate. I numero sembrano essere già interessanti, infatti il blog ufficiale di Microsoft annuncia che la preview di Outlook.com ha già raggiunto i 60 milioni di account attivi.

Outlook.com sarà perfettamente integrata con tutti i Social Network e con SkyDrive (il cloud di Microsoft). Se per adesso la conversione al nuovo dominio è “volontaria” a breve sarà obbligatoria, naturalmente verranno mantenuti i vecchi indirizzi.

Ad maiora

Google fornisce email da 10 Gb

Google, ultimamente, non ne sbaglia una e tira fuori sempre nuove features interessanti. L’ultima di BigG è quella di integrare GoogleDrive in Gmail. Questo permette di inviare file fino a 10 Gb.

L’integrazione della nuova funzione avverrà in automatico, infatti apparirà un nuovo pulsante che abiliterà gli utenti ad allegare i file provenienti dal proprio account di Google Drive. Una volta terminata questa operazione, Gmail previa autorizzazione, permetterà al mittente di visualizzare il file nell’account di GoogleDrive.

In questo servizio è previsto anche un controllo nel caso in cui i destinatari non abbiano accesso ai file nella cartella di GoogleDrive. In questo caso l’utente verrà avvisato in maniera da poter modificare i parametri di sicurezza.

Ad maiora

Apple inizia la migrazione da @me.com a @icloud.com

Nelle ultime ore tutti gli utenti Apple in possesso di un account di posta @me.com si sono visti recapitare una email dove veniva comunicato l’inizio della migrazione del dominio @me.com verso @icloud.com .

La migrazione avverrà in maniera graduale e durante questo periodo di transizione gli utenti potranno continuare ad utilizzare l’email con dominio @me.com per accedere ai vari servizi Apple come icloud, FaceTime, iMessage mentre per l’utilizzo della posta elettronica gli utenti dovranno usare il nuovo dominio.

Ad maiora