Installare Ubuntu su chiavetta USB

Fonte Foto
Fonte Foto

 

Ubuntu è una delle migliori distribuzioni Linux da utilizzare, specialmente se volete imparare ad utilizzare il nuovo sistema operativo, ma se utilizzate Windows e non volete creare partizioni o installare solamente Linux potete utilizzare la distribuzione tramite chiavetta USB.

Prima di iniziare dobbiamo avere i seguenti requisiti:

 

  • Chiavetta USB da 4 GB (minimo)
  • UNIVERSAL USB INSTALLER
  • ISO Ubuntu

 

Il pacchetto Universal USB Installer lo potete scaricare da qui, mentre la distribuzione Ubuntu la potete scaricare da qui. A questo punto potete far partire l’Universal USB Installer e andate a cliccare sul menù a tendina sotto la scritta STEP 1 dove andrete a scegliere la distribuzione Linux (nel nostro caso Ubuntu).

A questo punto cliccate sul tasto Browse (che trovate sotto la voce STEP 2) e andate a selezionare l’immagine ISO Ubuntu che avete scaricato in precedenza. Sotto la voce STEP 3 andate e selezionate la chiavetta USB che dovete aver già inserito. A questo punto cliccate sul tasto Create.

 

CONCLUSIONI

A questo punto la vostra chiavetta è pronta, per poterla utilizzare dovete inserirla prima di accendere il vostro computer, una volta accesso il computer selezionate la chiave USB come primo dispositivo di avviamento. In questa maniera quando accendete il computer verrà avviato dalla vostra chiavetta Ubuntu. Se volete tornare al vostro sistema Windows vi basterà riavviare il computer (staccando la chiavetta USB prima).

I vostri documenti su Windows non verranno toccati mentre utilizzate Ubuntu.

Ma perché utilizzare Ubuntu su chiavetta USB ? I motivi sono i seguenti:

 

  • Potete far pratica senza dover installare niente
  • Se avete problemi con Windows (virus, file corrotti etc..) potete entrare sul vostro computer tramite Ubuntu e cercare di risolvere il problema
  • Se dovete aprire un file sospetto
  • “Ri-animare” un vecchio computer

 

Questi sono solo alcuni degli scopi per utilizzare Ubuntu tramite chiave USB.

Se il post ti è piaciuto metti un Mi Piace e/o lascia un commento e condividilo sui vari Social (sempre se vuoi 😀 ).

Linux vince il nobel della tecnologia

Alla fine Linus Torvalds è riuscito nell’impresa, anche se dovrà dividere il premio con Shinya Yamanaka l’inventore di una tecnologia che ha reso le cellule staminali pluripotenti. Sia Torvalds che Yamanaka hanno vinto Millennium Technology Prize perché nei propri campi hanno portato una innovazine tecnologica che ha migliorato il mondo.

Linux è presente su più del 50% dei server sparsi per il globo, ha ottenuto il 91% di gradimento tra i 500 supercomputer sparsi per il globo e per finire a conquistato anche il Mobile tramite Android. Questa è stata la dichiarazione ufficiale per l’incoronazione di Linux:

Nel riconoscimento della sua creazione di un sistema operativo open source per computer che ha portato all’ampiamente utilizzato kernel Linux. La disponibilità gratuita di Linux sul Web ha rapidamente causato una reazione a catena che ha portato a un ulteriore sviluppo e messa a punto corrispondenti a circa 73mila anni-uomo. Oggi milioni di computer, smartphone e videoregistratori digitali come il TiVo girano su Linux. I risultati ottenuti da Linus Torvalds hanno avuto un enorme impatto nello sviluppo condiviso dei software, nel networking e nell’apertura del Web, rendendolo accessibile a milioni, se non miliardi, di persone“.

Questa è invece la dichiaraizione di Linus Torvalds: “Penso che l’open source sia molto importante. Il software è così importante nel mondo che non potrebbe essere sviluppato in altro modo“.

Un pò di storia, Linux nasce nel 1991 grazie ad un nerd filandese che dopo aver comprato un Ibm intel 80386 ha creato un innovativo kernel…adesso i nerd che lavorano al kernel di Linux sono milioni sparsi per tutto il pianeta.

Ad maiora

Linus Torvalds, papà di Linux, possibile vincitore del MTP

Linus Torvalds, meglio noto come il papà di Linux, è nella lista dei possibili vincitori del “Millennium Technology Prize” premio molto ambito nel mondo delle tecnologie (per prestigio può essere paragonato a un Nobel). In gara per il premio ci sono il ricercatore sulle cellule staminali Shinya Yamanaka e il creatore di Linux Linus Torvalds.Il premio oltre a dare prestigio porterà un pò di soldi nelle tasche del vincitore, circa 1 milione di euro.

Linus Torvalds ha rilasciato un intervista al TechCrunch dove ha eloggiato Apple e i suoi prodotti, in particolare i Mac, confessando di usare ormai da un pò di anni proprio un MacBook Air naturalmente con una distribuzione Linux sopra.

Ecco una parte dell’intervista che potete trovare qui :

“Vuoi seriamente che inizi a progettare hardware? Hey, sono un buon programmatore ma non sono propriamente conosciuto per il mio gusto estetico. Calzini bianchi e sandali non vengono mai tradotti con “buon gusto”.

Detto questo, devo ammettere di essere sorpreso che nessuno abbia fatto quello che Apple ha fatto col MacBook Air, anche ad anni di distanza dalla prima generazione. Gli altri produttori di notebook continuano a spingere su dei così brutti. Sì, c’è chi ha cercato di copiare ma di solito lo ha fatto molto male. Non credo sia strano preferire un portatile leggero e sottile. […]
Il MacBook Air è un computer speciale anche rispetto agli altri MacBook che possono sembrare belli ma che sono computer con componenti più vecchie e più grandi messe in un vestito molto bello. Io voglio che il mio ufficio sia tranquillo. Voglio che il suono più forte della stanza siano le fusa del mio gatto. E voglio viaggiare leggero. Un portatile che pesa più di un chilo non va bene. Al momento uso il MacBook Air da 11″ e credo che il peso vada ridotto ancora ma, almeno, Apple è molto vicina a quest’obiettivo magico.”

Ad maiora