Si apre una nuova tangentopoli: Microsoft sotto accusa

Tempi duri per Microsoft che rischia di finire in mezzo allo scandalo per tangenti, ad accusarla è un ex-dipendente che dichiara che a casa Redmond è abitudine pagare tangenti per ottenere contratti.

Fonte Foto: http://www.pubblicitaitalia.it
Fonte Foto: http://www.pubblicitaitalia.it

Microsoft è accusata di tangenti in cambio di favori sui contratti, ad accusarla è un ex-dipendente della sede cinese di BigM. I Federali stanno verificando le accuse, che se fondate potrebbero creare dei  problemi in casa Redmond.

Le accuse sono chiare e pesanti: “Microsoft avrebbe corrotto diversi esponenti di governi esteri per ottenere contratti di licenza software attraverso i suoi numerosi partner commerciali.”  Le accuse, mosse da un ex-dipendente cinese, sono le seguenti: “Un dirigente, di prestigio, della divisione asiatica di Microsoft  avrebbe ordinato all’accusatore di consegnare tangenti ad alcuni ufficiali di governo locale, per ottenere in cambio contratti di licenza per la distribuzione dei prodotti Windows in Cina”.

Accuse pesanti che se fondate potrebbero danneggiare in maniera irreversibile l’immagine di Microsoft. Il vice-presidente di Microsoft ha dichiarato: “Terremo queste accuse in seria considerazione  e collaboreremo pienamente nelle indagini di qualsiasi governo“.

Microsoft dichiara la sua innocenza e ritiene impossibile, viste le dimensioni, riuscire a controllare “l’onesta” dei propri dipendenti anche nelle sedi remote.

Ad maiora

 

Gli Hacker colpiscono anche Apple

20130220-132956.jpg

Dopo Twitter e Facebook questa volta è Apple cadere vittima degli hacker. E’ la stessa Apple che lancia il comunicato, gli hacker hanno sfruttato una falla di sicurezza del browser di alcuni dipendenti.

E’ una settimana nera per i BIG del tecnologia, uno dopo l’altro stanno cadendo tutti sotto gli attacchi hacker. L’attacco portato alla Apple è uguale a quello utilizzato per violare Facebook. Quelli di Cupertino assicurano che nessun dato personale è stato sottratto. E’ proprio una spedizione “punitiva” contro i BIG della Silicon Valley, ma in particolare contro Apple. Infatti per la prima volta il malware creato è stato pensato esclusivamente per Mac.

Cupertino si è messo subito a disposizione per le forze dell’ordine, i primi sospetti sembrano essere rivolti alla Cina. Chi sarà il prossimo a cadere ? Nel mirino sembra che ci sia anche il New York Times e il Wall Street Journal.

Ad maiora

Non aprite quel link… Twitter infettato dai cinesi

Da questa mattina arrivano su Twitter i seguenti messaggi:

Il messaggio praticamente dice che: “questo profilo Twitter sta diffondendo notizie sgradevoli su di te.” Naturalmente nessuno sta facendo ciò.

Se per sbaglio cliccate sul link finirete su un account di un utente cinese, ma state tranquilli non accadrà niente perché Twitter ha già bloccato l’ha già bloccato. Il tutto nasce da delle persone che mediante una pagina finta di Twitter hanno recuperato le credenziali del profilo, una volta entrati hanno subito iniziato a mandare messaggi come quello della figura.

Se volete stare tranquilli cambiate la password al vostro account.

Ad maiora